Trend Micro, malware mobile in crescita, Android e iOS i più colpiti

Trend Micro, malware mobile in crescita, Android e iOS i più colpiti

Secondi gli esperti in sicurezza di Trend Micro i malware e le applicazioni ad alto rischio per dispositivi mobili hanno raggiunto, a fine 2014, la nuova cifra record di 4,37 milioni. Si tratta di un tasso di sviluppo senza precedenti, il numero di malware diretti ai dispositivi mobili è raddoppiato, segnando un incremento del 68% rispetto alla prima metà del 2014.

Trend Micro, malware mobile in crescita, Android e iOS i più colpiti

Analizzando la tipologia delle minacce, il 69% dei malware che hanno colpito i dispositivi mobili è costituito da adware, una forma di malware che inonda l'utente di pop up pubblicitari, allo scopo di indurlo su siti maligni specifici o di registrare le sue abitudini di navigazione. A seguire, con il 24%, la seconda tipologia che ha colpito maggiormente i dispositivi è quella dei Premium Service Abuser, malware che fanno lievitare i costi degli utenti iscrivendoli a servizi senza il loro consenso. Al terzo posto le app specializzate nel furto dati, con il 10%.
Le piattaforme mobile maggiormente colpite sono state Android e iOS, quest'ultima nonostante l'approccio di ecosistema chiuso tenuto da Apple. Nel 2015 questa tendenza è destinata a confermarsi, purtroppo. È probabile che i cyber criminali sfruttino sempre di più le numerose opzioni di pagamenti mobile introdotte, colpendo attraverso vulnerabilità o con azioni di ingegneria sociale.

Trend Micro, malware mobile in crescita, Android e iOS i più colpiti

A fronte di un panorama delle minacce in perenne evoluzione, è importante che gli utenti sviluppino un approccio all'utilizzo del dispositivo in tutta sicurezza, proteggendolo con password sicure o adottando software per la gestione delle password, installando app di sicurezza per verificare se i propri dispositivi sono infetti, e soprattutto tenendo un occhio sempre aperto nel valutare le promozioni o i link che potrebbero condurre a truffe o al furto dei dati personali.