Arbor Networks Worldwide Infrastructure Security Report

Arbor Networks Worldwide Infrastructure Security Report

Arbor Networks pubblica l'undicesima edizione dello studio Worldwide Infrastructure Security Report, che include insight e analisi circa minacce e i meccanismi di difesa.
Per la prima volta, quasi metà degli intervistati proviene dai settori privato, pubblico e dell'istruzione, mentre i service provider contano per il 52% del campione. I rapporti che Arbor intrattiene da lungo tempo con i propri clienti e la reputazione conquistata come solution provider e consulente di fiducia sono gli elementi che rendono possibile la realizzazione annuale di questo studio. 

Le prime 5 tendenze in ambito DDoS:
• Cambiamento delle motivazioni degli attacchi: La principale motivazione di quest'anno non è stata l'hacktivismo né il vandalismo, bensì ‘la dimostrazione delle capacità di attacco da parte dei criminali’, un elemento che normalmente risulta associato ai tentativi di cyber-estorsione.
• Le dimensioni degli attacchi continuano a crescere: Il più grande attacco registrato è stato pari a 500 Gbps ed è stato seguito da altri attacchi di 450 Gbps, 425 Gbps e 337 Gbps. Negli undici anni di questo studio, le dimensioni massime di attacco sono cresciute di oltre 60 volte.
• Aumentano gli attacchi complessi: Il 55% degli intervistati ha registrato attacchi multi-vettore diretti simultaneamente contro infrastrutture, applicazioni e servizi, in aumento rispetto al 42% dello scorso anno. Il 93% ha subìto attacchi DDoS diretti contro il layer applicativo. Il servizio più comunemente colpito dagli attacchi contro il layer applicativo è ora il DNS (anziché l’HTTP).
• Il cloud sotto attacco: Due anni fa, gli attacchi lanciati contro servizi basati su cloud erano stati osservati dal 19% degli interpellati. L'anno scorso la proporzione era salita al 29% e quest'anno ha raggiunto il 33%, con una netta indicazione di tendenza. Il 51% degli operatori di data center ha infatti registrato attacchi DDoS che hanno provocato la saturazione della connettività Internet disponibile. Vi è stato anche un deciso incremento (34% contro il 24% dell'anno precedente) nel numero di data center che hanno visto attacchi in uscita lanciati da server ospitati sulle proprie reti.
• I firewall continuano a rivelarsi insufficienti durante gli attacchi DDoS: Più di metà delle aziende intervistate ha registrato malfunzionamenti dei firewall in conseguenza di attacchi DDoS, un dato in aumento rispetto al terzo dell'anno precedente. Essendo dispositivi stateful in linea, i firewall estendono la superficie di attacco e rischiano di essere le prime vittime degli attacchi DDoS con l'esaurimento della loro capacità di tenere traccia delle connessioni. E poiché si trovano in linea, possono oltretutto aggiungere tempi di latenza alla rete.

Arbor Networks Worldwide Infrastructure Security Report

Le prime 5 tendenze nelle minacce avanzate:
• Focus su reazioni più efficaci: Il 57% delle aziende intende dotarsi di soluzioni capaci di velocizzare i processi di risposta in caso di incidente. Tra i service provider, invece, un terzo ha ridotto a meno di una settimana i tempi necessari a rilevare un attacco APT (Advanced Persistent Threat) sulla propria rete, e il 52% ha affermato che i propri tempi che intercorrono tra il rilevamento e il contenimento sono inferiori a un mese.
• Più pianificazione: Il 2015 ha registrato un incremento nella proporzione di aziende che hanno sviluppato piani formali per la reazione agli incidenti e hanno dedicato almeno qualche risorsa per queste necessità, passando dai due terzi circa dell'anno precedente al 75% di quest'anno.
• Attenzione agli insider: La proporzione di aziende che hanno avuto a che fare con malintenzionati al proprio interno è salita al 17% contro il 12% dell'anno precedente. Quasi il 40% di tutte le aziende intervistate non possiede ancora nulla in grado di monitorare i dispositivi BYOD collegati alle proprie reti. La proporzione di chi ha registrato incidenti di sicurezza associati ai dispositivi BYOD è raddoppiata da un anno all'altro passando dal 6% al 13%.
• Problemi di personale: Si è verificata una forte riduzione (dal 46% al 38%) nella proporzione di aziende che intendono allargare le proprie risorse interne per meglio affrontare i casi di incidente.
• Aumenta la dipendenza dal supporto esterno: La carenza di risorse interne ha condotto a un aumento del ricorso ai servizi gestiti e all'assistenza in outsourcing, con il 50% delle aziende che ha affidato la risposta agli incidenti a fornitori esterni. Questo dato è del 10% superiore rispetto a quanto accade tra i service provider. E proprio tra i service provider, il 74% ha registrato un aumento delle richieste di servizi gestiti da parte dei propri clienti.

Ambito e campione dell'indagine:
• Il campione comprende 354 risposte - in aumento rispetto alle 287 dell'edizione precedente - fornite da un mix di operatori Tier 1, Tier 2/3, società di hosting, provider mobili, aziende e altri tipi di operatori di rete di tutto il mondo.
• In linea con gli anni precedenti, la maggior parte delle risposte (52%) proviene da service provider.
• Per la prima volta negli 11 anni di storia di questa indagine, quasi metà degli interpellati (48%) proviene da altre categorie di organizzazioni in rappresentanza di una maggiore varietà di tipologie di rete. Questo dato è aumentato rispetto al 40% del 2014 e al 25% di cinque anni fa.
• Il mondo enterprise è ben rappresentato dal 38% del campione. Gli altri intervistati diversi dai service provider provengono dagli enti pubblici (6%) e dal settore dell'istruzione (4%).
• I dati coprono il periodo compreso tra novembre 2014 e novembre 2015.