Kaspersky Lab, lo spam “diventa” mobile

Kaspersky Lab, lo spam “diventa” mobile

Secondo l’ultimo Security Bulletin di Kaspersky Lab, il volume delle email di spam nel 2015 è diminuito raggiungendo il 55,3% del totale, con un calo dell’11,5% rispetto al 2014.
La significativa diminuzione delle email di spam può essere attribuita alla crescente diffusione delle piattaforme pubblicitarie legittime sui social network, dei servizi di raccolta coupon, e così via.

Lo Spam Report di Kaspersky Lab ha inoltre identificato i seguenti trend del 2015:
• Cambiamenti nelle posizioni della classifica dei principali Paesi obiettivo dello spam. La Germania è stata la maggiore vittima, con il 19% degli attacchi e una crescita del 9,8% rispetto al 2014, seguita dal Brasile (7,6%), che ha registrato una crescita del 4%, passando dalla sesta posizione del 2014 alla seconda. La Russia, che nel 2014 si era posizionata ottava, ha raggiunto il terzo posto con una crescita del 3%, rappresentando il 6% di tutti gli attacchi spam del 2015.
• Più di tre quarti (79%) delle email inviate quest’anno pesavano meno di 2KB, facendo registrare un deciso calo nella dimensione delle email delle campagne spam degli ultimi anni.
• Gli Stati Uniti sono ancora la principale fonte di spam (15,2%), seguiti da Russia (6,15%) e Vietnam (6,12%), che si è aggiudicato il terzo posto superando la Cina.
• Gli utenti giapponesi hanno affrontato la più alta percentuale di attacchi di phishing, che ha raggiunto il 21,7%, con una crescita del 2,2% rispetto al 2014. Si è posizionato al secondo posto il Brasile (21,6%), precedentemente leader della classifica, con l’India in terza posizione (21%).
• La Russia è stata colpita dal maggior numero di attacchi di phishing: il 17,8% del totale globale.
• Le istituzioni finanziarie, come banche, sistemi di pagamento e negozi online, sono stati i principali obiettivi delle email di phishing (34,3%, con una crescita del 5,6%).

Principali argomenti dello spam dell’anno - Nonostante le Olimpiadi in Brasile non siano ancora iniziate, i truffatori hanno già cominciato a sfruttare l’evento, inviando email che annunciavano false vittorie alla lotteria e che chiedevano al destinatario di compilare un modulo con i propri dati personali. In questi attacchi, le email con allegati pdf, immagini e altri elementi grafici erano state progettate per ingannare i filtri anti-spam.
Le cosiddette frodi “nigeriane” hanno sfruttato la situazione politica ucraina, la guerra civile siriana, le elezioni in Nigeria e il terremoto in Nepal per far leva sulla bontà e l’empatia dei destinatari con testi delle email credibili, che richiedevano supporto per una persona in difficoltà.

Lo spam diventa mobile - Nel 2015 i cybercriminali hanno continuato a inviare false email da dispositivi mobile e notifiche da app contenenti malware o messaggi pubblicitari. Le nuove tattiche vedono i truffatori diffondere i malware in forma di file .apk (file per Android) e .jar (archivi ZIP contenenti un programma Java). Inoltre, i cybercriminali hanno mascherato un Trojan criptatore per mobile come file contenente aggiornamenti per Flash Player. Una volta avviato, il malware criptava immagini, documenti e file video archiviati sul dispositivo e inviava all’utente un messaggio con la richiesta di pagamento di un riscatto per decriptare i file.