F5 Networks svela le priorità degli IT Manager italiani per il 2016

F5 Networks svela le priorità degli IT Manager italiani per il 2016

F5 Networks presenta i risultati della seconda edizione della ricerca “State of Application survey” e traccia le tendenze in materia di delivery, sicurezza, SDN e DevOps.
L’attuale ricerca è stata ampliata rispetto alla precedente e comprende le risposte di oltre 3.000 clienti F5 in tutto il mondo, tra cui 980 intervistati in EMEA e 130 in Italia.
Il report 2016 ha raccolto le risposte provenienti dalle aree EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), AMER (Nord e Sud America) e APAC (Asia-Pacifico), a rappresentanza di una vasta tipologia di aziende dei diversi settori, con un focus particolare sui clienti del Finance e del settore tecnologico delle telecomunicazioni e sugli enti governativi.
I principali risultati:

1. Gli application service sono fondamentali e sempre più pervasivi - Il 39% delle aziende in Italia, 44% in EMEA, utilizza più di 200 applicazioni ogni giorno.
La cifra è sicuramente destinata a crescere; in particolare nel nostro Paese il 56% degli intervistati dichiara che le applicazioni mobile rappresenteranno il focus della spesa IT del 2016, dato ben superiore alla media EMEA del 42%.
2. Le aziende in Italia sono sempre più cloud-oriented - Il 25% delle organizzazioni italiane ha una strategia “cloud-first” che consente loro di valutare soluzioni cloud-based prima di affrontare nuovi investimenti IT. La media EMEA è invece del 30%.
Inoltre, il 68% delle aziende del nostro Paese (67% in EMEA) stima che più del 50% delle app saranno ospitate nel cloud entro la fine del 2016.
Un ambiente cloud ibrido consente alle aziende, in particolare piccole e medie, di sfruttare la flessibilità e i potenziali risparmi. A conferma dell’importanza della sicurezza nel cloud, la crittografia dei dati è indicata dal 58% degli IT manager italiani come il fattore più importante nella scelta di adottare i servizi cloud.
3. La sicurezza resta tra le principali preoccupazioni e guiderà la spesa per le app nel 2016 - La sicurezza è sempre più incentrata sulla protezione degli utenti, dei dati e delle applicazioni. I firewall di rete (73%) e la tecnologia anti-virus (73%) sono i due servizi di sicurezza più utilizzati dalle aziende italiane. La protezione DDoS (58%) appare sorprendentemente in basso nella lista. Per il 21% degli intervistati la mancanza di comprensione da parte dei dipendenti rappresenta la più grande sfida per la sicurezza nei prossimi 12 mesi, mentre il 12% indica la crescente sofisticazione degli attacchi e le limitazioni negli investimenti al secondo posto.
4. DevOps e SDN strategici per migliorare l'efficienza operativa - DevOps e SDN, che consentono l'automazione e l'orchestrazione, sono valutati entrambi come metodologie fondamentali per ridurre i costi operativi e migliorare il time to market. Il 30% degli intervistati in Italia ha già adottato il SDN e il 26% dichiara di avere intenzione di implementare una strategia SDN nel corso del 2016 o oltre.

Karl Triebes, CTO e EVP of product development di F5 Networks
Le applicazioni sono vitali per il successo di un’azienda; utilizzate da tutti i dipendenti, esse contribuiscono a realizzare una maggiore efficienza, ridurre i costi e aumentare le entrate. Senza i servizi corretti per supportare le applicazioni, queste non sarebbero disponibili, sicure o abbastanza veloci da soddisfare le esigenze dell’azienda, con una ripercussione fortemente negativa sul fatturato e sulle operation. I risultati della nostra ricerca State of Application Delivery offrono una panoramica interessante su come le aziende stiano gestendo e implementando i servizi applicativi all’interno di ambienti IT complessi e dinamici.