Mcafee, le suite 2017 offrono la protezione proattiva Real Protect

Mcafee, le suite 2017 offrono la protezione proattiva Real Protect

McAfee svela la gamma di prodotti destinati al mercato mainstream e annuncia sostanziali novità per quanto riguarda il motore di scansione e le funzionalità di protezione cloud.
A raccontare le peculiarità dei prodotti, Antonio Gaetani, Senior Partner Product Manager EMEA di Intel Security, esperto dei prodotti e dello sviluppo delle piattaforme, in azienda dal 2010.
I focus principali che hanno guidato lo sviluppo della gamma 2017 includono un rinnovato approccio multi-device, una sicurezza proattiva di nuova generazione e la costante ricerca, per un’innovazione che migliori a tutti gli effetti l’esperienza d’uso degli utenti.
L’engine che alimenta tutte le soluzioni a listino è oggi più potente e leggero, capace di garantire una maggiore reattività e tempi di risposta contenuti anche su sistemi entry-level. Consapevoli che il processo di installazione e configurazione rappresenta una componente importante, in McAfee si è lavorato per ridurre drasticamente i tempi e i passaggi per la prima configurazione, così come la prima scansione del PC.

Mcafee, le suite 2017 offrono la protezione proattiva Real Protect

La famiglia di prodotti, che include le varianti Antivirus, Antivirus Plus, Internet Security, Total Protection e LiveSafe, viene rilasciata in un momento di forti criticità in termini di attacchi ai file personali, ai PC e ai dispositivi degli utenti. Secondo le stime dei laboratori McAfee e della Global Threat Intelligence, ogni minuto sono rilasciate 305 minacce, con un incremento dei ransomware del 120% rispetto al primo trimestre 2015.
Il malware mobile fa segnare un +137%, mentre quello per sistemi Mac OS è in ascesa del 533%, prendendo come riferimento il primo trimestre dello scorso anno. La rete intelligente McAfee riceve oltre 49,9 miliardi di interrogazioni al giorno, segnale inequivocabile di quanto siano diffuse minacce, attacchi e di quanto siano reali le possibilità di subire un data breach.

Sommario