Dell Technologies, le aziende si sentono minacciate dalle start-up

Dell Technologies, le aziende si sentono minacciate dalle start-up

Una recente ricerca commissionata da Dell Technologies riguarda il mondo delle start-up e le reali preoccupazioni delle aziende in termini di concorrenza e sviluppo del business.
Il 78% delle aziende nel mondo ritiene che le start-up - nate in era digitale - rappresentino una minaccia per le loro realtà sia ora che nel prossimo futuro.
Si tratta di un fenomeno che spinge alla crescita le società innovative, mentre accelera la scomparsa di tutte le altre. Quasi la metà (45%) delle aziende mondiali intervistate teme di poter diventare obsoleta nei prossimi 3-5 anni, per la competizione con le start-up nate nell’era digitale.
Alcune società del panel sono consapevoli di essere danneggiate da questo radicale processo di cambiamento. Più della metà (52%) delle aziende leader ha avuto esperienza di stravolgimenti significativi nei propri settori di riferimento nel corso degli ultimi tre anni, a causa delle tecnologie digitali e dell’Internet of Everything, mentre il 48% non si sente in grado di prevedere l’evoluzione del proprio mercato nei prossimi tre anni.

I risultati provengono da uno studio indipendente condotto da Vanson Bourne su 4000 business leader – di medie e grandi imprese – di 16 paesi e 12 mercati/vertical.

Un progresso disomogeneo o una crisi digitale che incombe?
Il progresso è stato a dir poco irregolare. Alcune aziende hanno a malapena iniziato la loro trasformazione digitale. Molti hanno adottato un approccio graduale. Solo una piccola minoranza ha quasi completato il passaggio verso il digitale. Appena una società su tre del panel sta facendo registrare buone prestazioni in quelli che sono i pilastri del business digitale. La stragrande maggioranza (73%) delle aziende a livello globale ammette che la trasformazione digitale potrebbe essere più diffusa all’interno dell’organizzazione.
Circa sei aziende su dieci non sono in grado di soddisfare alcune tra le principali richieste dei clienti, come un maggiore tasso di sicurezza e un accesso più veloce a servizi e informazioni in modalità 24/7. Quasi 2/3 (64%) confessa di non fare intelligence in real-time.

Dell Technologies, le aziende si sentono minacciate dalle start-up

Dell Technologies’ Digital Transformation Index integra la ricerca e classifica le aziende sulla base della performance delle loro società percepite dagli intervistati in merito alla trasformazione digitale. Secondo lo standard di riferimento, solo il 5% delle aziende leader si è posizionato nel gruppo dei Digital Leader; almeno la metà è rimasta indietro.

1. Digital Leaders: 5% - la trasformazione digitale, in tutte le sue forme, è radicata nel DNA del business.
2. Digital Adopters: 14% - hanno un piano digitale maturo, investimenti e innovazioni in atto.
3. Digital Evaluators: 34% - abbracciano la trasformazione digitale in modo cauto e graduale, pianificano e investono per il futuro.
4. Digital Followers: 32% - investono molto poco nel digitale; esitano a pianificare per il futuro.
5. Digital Laggards: 15% - non hanno un piano digitale, hanno poche iniziative e pochi investimenti in atto.

Data la grave minaccia sul proprio business, le aziende cominciano a cercare alcune soluzioni da mettere in atto.
Per portare avanti la loro trasformazione digitale:
• Il 73% concorda sul bisogno di dare priorità a una strategia tecnologica centralizzata.
• Il 66% sta pianificando di investire in infrastrutture IT e nell’acquisizione di competenze in ambito digitale.
• Il 72% sta espandendo le proprie capacità di sviluppo software.

In ordine di priorità secondo i rispondenti, i top investimenti IT per i prossimi tre anni sono:
1. Converged infrastructure
2. Ultra-high performance technology (esempio: Flash)
3. Analytics, big data ed elaborazione dati (esempio: Data Lakes)
4. Tecnologie dell’Internet of Things

Inoltre, più di un terzo delle aziende ha creato un bilancio digitale completo (36%); hanno avviato una partnership con delle start-up al fine di adottare un modello di open innovation (35%); hanno scorporato una parte dell’organizzazione o hanno intenzione di acquisire le capacità innovative di cui necessitano attraverso M&A (28%). Solo il 17% misura il successo secondo il numero di brevetti che registra e circa la metà (46%) sta integrando obiettivi digitali con quelli di tutti i dipartimenti e dello staff.