IDC, cresce la contaminazione digitale nelle aziende italiane

IDC, cresce la contaminazione digitale nelle aziende italiane

Secondo IDC, la digital transformation si sta allargando velocemente a tutti i settori, contaminando imprese italiane di ogni dimensione lungo intere filiere.
Il percorso d’innovazione sta coinvolgendo tutti i ruoli aziendali, dalla tecnologia al business, portando a nuove forme di collaborazione e integrazione. La cooperazione tra imprese, vendor e laboratori d’innovazione, e tra i diversi ruoli aziendali, è indispensabile per gestire la natura complessa e multiforme della trasformazione digitale. Anzi, alcune aziende hanno già compreso che i benefici di questa cooperazione possono essere amplificati creando veri e propri ecosistemi che combinano nuovi modelli di business, tecnologie digitali, informazioni e stakeholder, questi ultimi sia individui che altre imprese.
Velocità di propagazione, integrazione dei ruoli aziendali ed ecosistema digitale sono alcuni dei principali temi emersi nel corso dell’edizione 2016 di Innovators Circle, una serie di incontri esclusivi promossi da SAP e Intel in collaborazione con IDC dedicati alla digital transformation.
In tre diversi appuntamenti che si sono tenuti a Milano il 5 maggio, a Roma il 16 giugno e ancora a Milano il 6 ottobre, un tavolo di CIO, CDO (chief digital officer) e business manager delle più importanti aziende italiane, responsabili di progetti di trasformazione digitale, ha condiviso con SAP, Intel e IDC esperienze progettuali e linee di azione per competere con successo nel mondo digitale. A portare personalmente la loro testimonianza all’interno dei tre tavoli di discussione sono intervenuti in qualità di relatori i responsabili IT di Branca International, Univeg, La Feltrinelli, ACEA, Enel e Kering Eyewear. A Fabio Rizzotto, research and consulting senior director di IDC Italia, il compito di illustrare i trend principali della digital transformation e di moderare la discussione tra relatori e partecipanti.
In occasione di Innovators Circle 2016, IDC ha inoltre sviluppato insieme a SAP un nuovo strumento di assessment - l’IDC Digital Transformation MaturityScape Tool - che consente alle aziende di conoscere il proprio posizionamento e ricevere raccomandazioni personalizzate per orientarsi nella digital transformation.
Oggi ormai è chiaro che la trasformazione digitale è una delle principali priorità di business. Lo era per il 66% delle aziende italiane nel 2015, lo è diventata per il 76% delle imprese nel 2016, evidenzia IDC. Ma è anche chiaro che la consapevolezza di questa importanza pone i CIO e le aziende di fronte a una nuova serie di sfide per esaltare il pieno potenziale aziendale in modo da produrre vero valore dalla trasformazione digitale.

Per le imprese italiane, sottolinea Rizzotto, questo si traduce in:
• Trovare, coltivare e trattenere personale qualificato (per il 72% delle aziende italiane);
• Tracciare e comprendere i comportamenti digitali e le aspettative dei clienti (70%);
• Possedere una chiara visione di come il digitale possa aiutare a ottenere un vantaggio competitivo (67%);
• Far dialogare dipartimenti e persone, fare sistema (63%).

Per realizzare proprio il concetto dell’ecosistema digitale è necessario operare a un livello di profonda integrazione tra IT tradizionale e piattaforme digitali, con interconnessioni in tempo reale in grado di portare più intelligenza e capacità predittiva nei processi di business.
Nella visione di IDC, questo sarà possibile implementando architetture cloud ibride e piattaforme di data analytics. Il ruolo del CIO sarà vitale in questo contesto. Sarà responsabile non solo dell’evoluzione tecnologica delle architetture informative per acquisire e analizzare dati da fonti eterogenee, ma anche del governo dei dati: dovrà quindi lavorare con i business leader per costruire un modello che garantisca disponibilità e protezione dei dati a differenti livelli dell’organizzazione aziendale. Solo così sarà possibile permettere il consumo di dati e di viste sul business in tempo reale, indispensabile per sostenere la velocità con cui si devono muovere i progetti digitali.