Shuttle XPC nano NS02A, l’Android “tascabile” per il signage

Shuttle XPC nano NS02A, l’Android “tascabile” per il signage

Shuttle espande la famiglia XPC nano, in prova l’ultracompatto NS02A, un sistema basato su Android e CPU ARM ideale per il retail, il signage e specifici settori verticali.

Forte di un prezzo altamente competitivo e di un formato facile da integrare ovunque, questo microPC consente di eseguire buona parte dei task convenzionali, per la produttività e la gestione di contenuti.
La versione in prova, con specifiche analoghe a quelle dell’altro modello a listino NS02E (che però non dispone di alimentatore esterno e supporta una gestione elettrica PoE), si distingue per l’interessante set di funzioni già disponibili di serie.

Shuttle XPC nano NS02A, l’Android “tascabile” per il signage

Come anticipato, è disponibile una architettura ARM Rockchip RK3368 Octa-Core, i nuclei Cortex-A53 a 64 bit lavorano a una frequenza massima di 1,5 GHz. Si tratta di un SoC, piattaforme largamente adottate sui sistemi compatti, ma anche sui tablet e smartphone più recenti. A fronte di un consumo complessivo risibile (assorbimento totale dichiarato del sistema 4 W), il chip è in grado di alimentare quasi tutti gli aspetti cruciali del sistema e include una GPU PowerVR SGX6110 a 600 MHz, un acceleratore capace di supportare la codifica video H.265 e di gestire l’unico output video con risoluzioni sino a 4K a 60 Hz.

Shuttle XPC nano NS02A, l’Android “tascabile” per il signage

Volendo fare un paragone improprio ma che, forse, può rendere l’idea, l’hardware di base somiglia a quello di uno smartphone, dettaglio confermato dalla presenza di 2 GByte di RAM saldati e non espandibili, affiancati da 16 GByte di spazio storage di tipo eMMC. Per espandere tale capacità è possibile optare per storage USB (sono disponibili tre porte ma solo di tipo 2.0), oppure passare per un modulo flash SD, facilmente inseribile nello slot dislocato sul lato frontale.
Il guscio, pur se molto compatto (141x141x29 mm) può ospitare anche un drive interno in formato da 2,5” e 7 mm di spessore. Peccato che l’accessorio Shuttle PHD5 per la connessione del disco sia solo opzionale.

Shuttle XPC nano NS02A, l’Android “tascabile” per il signage

Le ridotte dimensioni dello chassis sono state rese possibili dall’ingegnerizzazione di una motherboard in formato proprietario che accoglie tutti i componenti utili e dalla quasi totale assenza di sistemi di raffreddamento. La CPU è posta a diretta contatto con il guscio superiore per facilitarne lo scambio termico, di per sé minimo. Il sistema è fanless, non produce rumore o ronzii e può operare 24/7 entro un range termico di 0°C e +40°C.

Al compatto Shuttle XPC nano NS02A non manca proprio nulla, o quasi; il sistema vanta un controller BT4.0 integrato, un adattatore LAN Gigabit Realtek e un controller wireless purtroppo solo di tipo “b/g/n”.

Sommario