Fujitsu LifeBook U937, sicurezza integrata e mobilità estrema

Fujitsu LifeBook U937, sicurezza integrata e mobilità estrema

Fujitsu LifeBook U937 è un notebook ultra portable pensato per il management, un dispositivo leggero e robusto per la mobilità professionale ad alte prestazioni.

LifeBook U937 è stato presentato la scorsa primavera assieme alla variante S937, con la quale condivide il formato compatto e la vocazione per la mobilità estrema.
La versione che abbiamo ricevuto per i test rappresenta però il top di gamma, si distingue per soluzioni di alto livello, una maniacale attenzione per i dettagli e la scelta di materiali e componenti ad elevate prestazioni.

Fujitsu LifeBook U937, sicurezza integrata e mobilità estrema

Tutto questo si traduce in un notebook ultra portatile da soli 920 grammi e che misura 309,3x213,5x15,5 mm. Specifiche e prezzo di acquisto classificano immediatamente il target preferenziale per una simile soluzione, destinata al management che richiede mobilità e prestazioni in un unico, elegante, dispositivo. Naturalmente LifeBook U937 si presta (quasi) a qualsiasi altra interpretazione ed è in grado di sopportare senza troppi sforzi carichi di lavoro impegnativi.

Questo Ultrabook coniuga una grande maneggevolezza e robustezza, dovuta all’impiego di uno chassis in magnesio, alla potenza della piattaforma Core con tecnologia vPro. Il sistema non è dunque solo particolarmente veloce, ma risponde ai criteri di sicurezza grazie alla consolidata tecnologia di Intel per la gestione e manutenzione IT.

Tra le configurazioni LifeBook U937, quella che abbiamo ricevuto per le prove rientra a pieno titolo tra quelle più potenti e complete. Il processore Intel Core i7 7600U consente una buona reattività, anche quando si tratta di elaborare fogli di calcolo e database ricchi di informazioni. La CPU, presentata quest’anno, vanta un processo costruttivo a 14 nm e un TDP di 15 W, valori che ne sottolineano la vocazione mobile.

Fujitsu LifeBook U937, sicurezza integrata e mobilità estrema

A fronte di una potenza termica da dissipare che può spaziare tra i 7,5 W e i 25 W, il processore è capace di regolare il clock dinamicamente tra gli 800 MHz e i 2,9 GHz. In determinate condizioni ambientali, di temperatura, e in funzione delle richieste OS l’i7 7600U può raggiungere i 3,9 GHz in modalità Turbo, riducendo i tempi di elaborazione della attività in corso.
L’unità dual core può elaborare quattro thread contemporaneamente e dispone di 4 MByte di SmartCache. Senza dubbio si tratta di un componente studiato per l’esecuzione di elaborazioni impegnative, anche in modalità multitasking.

Fujitsu LifeBook U937, sicurezza integrata e mobilità estrema

Il controller per la memoria, anch’esso integrato nella CPU, può gestire moduli DDR4 sino a 2.133 MHz. La configurazione attuale si avvantaggia di 12 GByte di RAM con queste caratteristiche; 4 GByte sono saldati onboard, mentre la restante parte è disponibile tramite modulo SoDimm DDR4.
Il contenimento degli spazi e dei consumi ha portato Fujitsu a escludere l’integrazione di una GPU discreta, che avrebbe certamente innalzato le performance ma avrebbe complicato non poco la gestione termica.
Fujitsu LifeBook U937 sfrutta la sezione integrata Intel HD Graphics 620, capace di lavorare fino a un clock di 1,15 GHz e di gestire sino a tre display contemporaneamente. Pur non trattandosi di una GPU ad alte performance, il supporto DirectX 12 e OpenGL 4.4 garantire l’esecuzione di applicativi grafici senza particolari limitazioni, in termini di istruzioni e funzionalità. Di certo non stiamo parlando di un processore per elaborazioni grafiche troppo complesse.
La GPU Intel è accoppiata a un display Full HD da 13,3” di tipo glare e dotato di finitura touch. La matrice IPS da 1.920x1.080 pixel offre un grado di dettaglio veramente elevato, mentre il sistema di retroillumazione da 300 cd/mq consente di beneficiare di immagini nette e colori vividi.

Sommario