ServiceNow: i dieci comandamenti DevOps

ServiceNow: i dieci comandamenti DevOps

Nicola Attico, Solution Consultant Manager di ServiceNow Italia, svela l’importanza delle attività DevOps e come avere successo in “dieci facili mosse”.

L’anno scorso, grazie a una nostra ricerca, abbiamo scoperto che il 94% delle aziende è impegnato in qualche tipo di attività DevOps , anche se la maggior parte è ancora all’inizio. Solo il 19% delle aziende, infatti, usa processi DevOps e questo significa che più di tre quarti delle organizzazioni deve ancora farlo.
Per i professionisti che lavorano in questo settore dare il via a un progetto DevOps può far sentire come intimiditi. Per questo, vi propongo dieci suggerimenti che possono aiutare a lanciare il primo progetto.

Trova un campione
La metodologia DevOps presuppone il cambiamento e cambiare può essere difficile, ma è più facile se il management vi supporta. Identificare un “campione” all’interno del management team, per garantire l’appoggio C-level, assicurerà una percentuale maggiore di successo e la conseguente adozione all’interno dell’organizzazione.

Inizia con un progetto pilota
Lavorare in modalità DevOps è molto diverso e aiuta iniziare con un progetto pilota, per permettere al proprio team di fare esperienza. Ricordatevi di riportare con frequenza le sfide e i progressi ai propri responsabili, così che possano utilizzare la loro autorità per rimuovere eventuali blocchi o ritardi dal punto di vista aziendale.

Definisci il successo
Bisogna definire i criteri di successo per il primo progetto DevOps. Ad esempio, uno sviluppo più veloce o una quantità minore di bug. Questo permette a tutti di avere un obiettivo ed evitare una valutazione inconsistente dei risultati.

Concedi maggiore libertà
Bisogna concedere al proprio team l’autonomia necessaria per definire e dividersi gli incarichi, al fine di costruire un team DevOps di successo. Questi ruoli potrebbero essere in contrasto con procedure operative di lunga data e potrebbero non coincidere con la loro qualifica attuale, ma la metodologia DevOps richiede una sana quantità di cambiamenti.

Pensa alla formazione
Si deve allenare il proprio team DevOps, per far acquisire le nuove abilità e competenze che serviranno a svolgere i compiti. Ad esempio, uno sviluppatore ha bisogno di capire le pratiche che si devono seguire per risolvere rapidamente un bug in fase di produzione. Una persona di operations, invece, potrebbe aver bisogno di sapere dove custodire il codice durante il processo di sviluppo. Si può prendere in considerazione l’idea di assumere un coach con esperienza DevOps, che può guidare il team durante il progetto pilota.

Concedi il giusto spazio
Bisogna fare in modo che il management non interferisca con il progetto iniziale. La compilazione settimanale dei timesheet e l’assegnazione di compiti al di fuori del progetto devierà l’attenzione del team e abbasserà il morale. L’approccio DevOps serve per raggiungere risultati che i metodi tradizionali non possono assicurare. Il management deve avere fiducia nel processo e lasciare lavorare il team.

Prevedi ulteriori finanziamenti
Prevedi ulteriori finanziamenti al team, per procurare server o altri strumenti necessari per la continuous integration e lo sviluppo. I fondi devono essere allocati all’inizio del progetto, così che non diventino un ostacolo. Se è il team a dover cercare risorse e ottenere le approvazioni necessarie, verrà ovviamente distratto dal progetto.

Abbraccia l’automazione
L’automazione è un fattore critico di successo per i processi DevOps. Al team dovrebbe essere permesso di automatizzare i processi come il provisioning dei server, il testing e lo sviluppo del codice. Più i processi sono automatizzati, più il processo di release sarà efficace ed inferiori i problemi.

Aggiorna gli obiettivi dei membri del gruppo
Ci sono alte probabilità che gli obiettivi, già previsti per i singoli membri del team, non abbiano più senso nelle attività DevOps. Bisogna aggiornarli per riflettere i nuovi ruoli. Misurare sui vecchi obiettivi può produrre comportamenti controproducenti. Ad esempio, una persona “ops” non dovrebbe essere misurata solo sul numero degli incidenti risolti, ma sui criteri di successo definiti all’inizio del processo.

Celebra ogni vittoria, specialmente la più piccola
Il primo team DevOps si sentirà come una vera squadra di pionieri. Per mantenere il morale alto bisogna assicurarsi di celebrare in ogni occasione, magari tutti insieme a pranzo. Tutte le volte che è possibile, coinvolgete anche il management per fare un aggiornamento degli avanzamenti.
L’approccio DevOps è un grande cambiamento. Gli aspetti culturali di questo cambiamento sono enormi e spesso rappresentano una grande sfida per le organizzazioni più grandi. Grazie a questi dieci suggerimenti, però, si può arrivare al successo già con il progetto pilota e da qui si può espandere la filosofia DevOps a tutta l’azienda.

Tagged under: business sviluppo DevOps