Canon, l’Imaging e l’universalità del linguaggio digitale

Canon, l’Imaging e l’universalità del linguaggio digitale

Canon rilancia il linguaggio universale dell’Imaging e aggiorna la propria lineup di prodotti, presentando modelli per il professionista, l’appassionato e il mainstream.
L’azienda supporta attivamente ogni forma creativa e si impegna a fare da portabandiera della nuova era digitale, dove fotografia e immagini svolgono un ruolo fondamentale. A supporto di quanto annunciato alla presenza del Country Director, Consumer Imaging di Canon Italia, Marco di Lernia, la società ha invitato tre figure differenti, che rappresentano, in un certo senso, altrettanti modi di fare fotografia.

Canon, l’Imaging e l’universalità del linguaggio digitale

Presso la Fabbrica del Vapore di Milano, Canon Italia ha infatti coinvolto il fotografo sportivo Giancarlo Colombo, la blogger ‘Zelda was a Writer’ Camilla Ronzullo e Orazio Spoto, uno dei fondatori di Instagramers Italia. L’obiettivo dichiarato è quello di offrire tre differenti prospettive sull’utilizzo delle immagini come strumento per raccontare, mostrare ed emozionare.
Attraverso le parole dei tre professionisti abbiamo potuto apprezzare come il mondo della fotografia si stia evolvendo, grazie a strumenti sempre più maturi e “ritagliati” per i differenti target d’utenza.
In epoca di smartphone con fotocamere sempre più evolute e selfie, Canon mette in evidenza la natura stessa della fotografia e il messaggio che ciascuno scatto porta con sé. Oggi, sempre più spesso, grazie soprattutto alla forte diffusione dei social, i pensieri scritti vengono corredati da immagini che raccontano storie con un impatto sempre più intenso. Perché ciò sia possibile vi è un forte bisogno di fotografie di alta qualità, capaci di esprimere la bellezza dei dettagli e dei colori in modo accurato.

Partendo da questo presupposto, ciascun referente interpellato ha sottolineato il forte legame con la fotografia, che parte da una necessità e diventa passione.

Canon, l’Imaging e l’universalità del linguaggio digitale

Giancarlo Colombo
La fotografia è la mia professione, il modo con cui racconto la storia, l’emozione e la fatica del mondo dello sport. La macchina fotografica è per me uno strumento professionale, ma non smetto mai di amare la fotografia che rappresenta sempre una fonte di gioia. Quando fotografo devo rimanere freddo, oggettivo, valutare tutti gli aspetti tecnici per realizzare la foto perfetta anche quando a vincere è un carissimo amico come Stefano Baldini alle Olimpiadi di Atene del 2004.

Camilla Ronzullo, blogger
Le immagini mi permettono di raccontare la vita con immediatezza, ritraggo persone e momenti della realtà che mi circonda. Non mi sento mai sola con la macchina fotografica, è la mia alleata, è il mio occhio. Scatto spesso con una compatta, ma la reflex mi sfida a superare nuovi limiti e a inquadrare il mondo in un modo diverso. Quando appoggio l’occhio al mirino mi immergo nella scena che voglio raccontare.

Orazio Spoto, instagramer
Amo scoprire i luoghi attraverso instagram e contribuire alla creazione di storie collettive. Con gli hashtag, che sono vere e proprie etichette, posso individuare e partecipare a racconti globali. Attraverso la connessione wifi posso decidere cosa condividere e cosa no in poco tempo. Solo dopo, con calma, posso assaporare gli scatti e scegliere quali potranno contribuire alla storia collettiva e quanti invece saranno archiviati a titolo personale.

Marco di Lernia, Country Director, Consumer Imaging di Canon Italia
Continuiamo a evolvere per consentire alle persone di comunicare e lavorare meglio, di condividere idee ed emozioni, con una costante attenzione all’individuo e ai cambiamenti dei nostri tempi. Il massivo utilizzo di dispositivi dotati di fotocamera sta generando un forte aumento delle immagini catturate, per Canon l’opportunità di essere protagonista non è mai stata così grande. Vogliamo coinvolgere i consumatori e invitarli a sperimentare e catturare il mondo che li circonda attraverso le soluzioni Canon.


Alla visione corale e coinvolgente degli ospiti e dell’azienda, corrisponde una lunga serie di novità prodotto, a partire dal top di gamma, la Canon EOS-1D X Mark II. Stiamo parlando di una reflex professionale che rappresenta il nuovo punto di riferimento del mercato, grazie a un sensore CMOS full frame da 20,2 MPixel e un nuovo autofocus Al Servo III+. La macchina vanta velocità molto elevate, raggiunge i 14 fotogrammi al secondo in scatto continuo, dispone di full tracking AF/AE e 16 fps in modalità Live View e, non ultimo, può acquisire video 4K DCI fino a 60p.

Canon, l’Imaging e l’universalità del linguaggio digitale

EOS-1D X Mark II si differenzia per l’ampia sensibilità ISO, con una gamma da 100 a 51.200, espandibile da 50 a 409.600 e per il sistema autofocus a 61 punti di cui 41 a croce, che copre un’area più estesa rispetto al modello precedente e opera in luce scarsa fino a -3EV. Quando si scatta con determinati moltiplicatori di focale e teleobiettivi, il nuovo sistema AF supporta un’apertura f/8 con tutti i 61 punti, dando la libertà di scegliere il punto di messa a fuoco preferito.
In combinazione con il sistema AF, il nuovo sensore di misurazione RGB+IR con 360.000 punti assicura un’esposizione precisa e una migliore discriminazione del soggetto. La rilevazione dello sfarfallio (flickering) originariamente introdotta con EOS 7D Mark II, garantisce risultati costanti con luci artificiali, ideale per gli eventi sportivi indoor.

Canon, l’Imaging e l’universalità del linguaggio digitale

EOS-1D X MARK II adotta il doppio processore DIGIC 6+ che elabora rapidamente l’enorme mole di dati immagine catturati dal sensore e rende l’utilizzo sempre veloce e fluido.
I fotografi professionisti hanno gli strumenti necessari per la gestione delle loro immagini, per poterle trasferire facilmente alle agenzie di stampa in pochi secondi. Il GPS incorporato registra le posizioni nei dati EXIF del file immagine, aiutando i professionisti a tenere una traccia accurata dei loro scatti. Un terminale per una rete LAN Ethernet cablata e una porta USB SuperSpeed 3.0 offrono la possibilità di scegliere come condividere le immagini: via FTP o direttamente al computer. Inoltre, il nuovo trasmettitore di file wireless WFT-E8 supporta anche lo standard 802.11ac ad alta velocità (5 GHz) e rende possibile il collegamento alla app Camera Connect.

Canon, l’Imaging e l’universalità del linguaggio digitale

Tra gli annunci più attesi, quella della reflex di fascia media EOS 80D, oggi affiancata dal nuovo zoom EF-S 18-135mm f/3.5-5.6 IS USM. Parliamo di una fotocamera per appassionati che desiderano cimentarsi nella creazione di scatti e video creativi. Proprio per questo la macchina è stata quasi totalmente rivista rispetto alla 70D, a partire dal sensore CMOS da 24,2 MPixel, dal processore DIGIC 6 e dal nuovo sistema AF a 45 punti, tutti a croce. La macchina vanta una velocità di scatto a raffica di 7 fps. Per una messa a fuoco precisa o durante l’inseguimento del soggetto in un’ampia area dell’inquadratura, i punti AF sono selezionabili singolarmente o raggruppabili in aree. Tutto ciò offre un maggiore controllo sulla composizione, indipendentemente da dove si trovi il soggetto nell’inquadratura. Inoltre se si utilizzano obiettivi con aperture ridotte, l’autofocus è garantito anche nelle condizioni più estreme con 27 punti AF compatibili f/8.
Progettata per riprendere anche in condizioni di luce scarsa, la fotocamera ha una gamma ISO nativa 100-16.000 espandibile fino a ISO 25.600, mentre il sistema AF continua a lavorare anche al debole chiarore della luna (-3EV). Il sensore di misurazione RGB+IR a 7.560 pixel è in grado di rilevare sia la luce visibile che la luce infrarossa invisibile, assicurando esposizioni più accurate. In più, il rilevamento dello sfarfallio (flickering) permette di ottenere risultati costanti nelle riprese anche sotto tremolanti luci fluorescenti. Questa fotocamera è dotata della nuova impostazione di bilanciamento del bianco, Priorità bianco, che riduce la comparsa di tonalità eccessivamente calde.

Con la EOS 80D, Canon vuole inoltre offrire la massima flessibilità anche ai videomaker, offrendo riprese Full HD, messa a fuoco automatica e l’inseguimento fluido dei soggetti in movimento, grazie alla tecnologia Dual Pixel CMOS AF Alla macchina si affiancano l'obiettivo EF-S 18-135mm f/3.5-5.6 IS USM e l’adattatore Power Zoom PZ-E1. Lo zoom offre prestazioni autofocus elevate per filmati e fotografie, con una gamma focale da grandangolo a tele in un unico obiettivo. È il primo degli obiettivi Canon dotato di tecnologia autofocus Nano USM per offrire un AF fluido e silenzioso per i video e rapido per le fotografie.
Il nuovo adattatore Power Zoom PZ-E1 è un accessorio compatto e leggero, progettato specificamente per EF-S 18-135mm f/3.5-5.6 IS USM. Grazie a questo strumento, durante la ripresa di filmati, si può azionare in modo fluido lo zoom. È ideale per catturare documentari professionali, con la possibilità di controllare e regolare lo zoom anche via Wi-Fi.


Le compatte ad alte prestazioni PowerShot G7 X Mark II e PowerShot SX720 HS completano le novità svelate da Canon in questi giorni.
La prima offre livelli di controllo e di qualità d'immagine per veri intenditori ed è stata creata sulla base della nota PowerShot G7 X. La macchina dispone di processore Canon DIGIC 7, sensore CMOS da 1.0” con 20,1 MPixel e zoom ottico 4,2x. PowerShot G7 X Mark II garantisce grandi prestazioni in un corpo compatto, progettato ergonomicamente per ricordare l'estetica della serie PowerShot G, offrendo una gestione intuitiva e l'accesso immediato ai controlli principali. Con un’ottica Canon di precisione, incredibile reattività, totale controllo manuale e connettività avanzata, PowerShot G7 X Mark II è una fotocamera raffinata per chi desidera scegliere il proprio stile di scatto.
L’obiettivo luminoso f/1,8-2,8, in combinazione con il sensore CMOS, e le nuove funzionalità di imaging della potente CPU offrono la flessibilità necessaria per poter scattare nelle condizioni più difficili. Tutto ciò diviene possibile anche grazie allo zoom dotato di massima apertura focale. Quando si scattano fotografie in viaggio e non c’è il tempo di fermarsi, lo stabilizzatore ottico d'immagine è stato implementato con la tecnologia Dual Sensing IS che riduce sensibilmente le vibrazioni della fotocamera e aiuta a contrastare il movimento della mano e del corpo per scatti nitidi a mano libera.

Canon, l’Imaging e l’universalità del linguaggio digitale

Lo scatto RAW a 14 bit cattura tutte le sfumature di colore, comprese le più tenui. Per ridurre al minimo l’elaborazione dopo lo scatto, Picture Style offre stili preselezionati che possono essere scelti per soddisfare il proprio gusto od ottimizzare la scena che si sta riprendendo. I profili Picture Style sono personalizzabili e presenti anche su tutta la gamma di reflex EOS, permettendo di mantenere lo stesso “look and feel” a ogni scatto, qualunque sia il soggetto.
L’ampia gamma di funzioni di connettività della fotocamera è immediatamente accessibile tramite il pulsante Wi-Fi, mentre Dynamic NFC consente di collegarsi appoggiando direttamente la fotocamera a dispositivi intelligenti, tra cui Canon Connect Station CS100. La condivisione e il backup sul cloud sono facilitati da Image Sync, che esegue automaticamente il backup online dei file. Le immagini possono anche essere condivise su Irista di Canon, che offre più spazio per salvare foto di alta qualità, oltre a poter creare gallerie di foto da inviare agli amici di tutto il mondo.

PowerShot SX720 HS è, invece, una fotocamera leggera e sottile, dotata di superzoom 40x e sensore CMOS da 20,3 MPixel. A queste specifiche si affianca il processore DIGIC 6 e il sistema Advanced Zoom Framing Assist, capace di regolare lo zoom per comporre la scena in base al numero di persone nell’inquadratura. Durante ogni scatto, lo stabilizzatore di immagine intelligente di PowerShot SX720 HS si adatta progressivamente per garantire sempre un’elevata qualità dell’immagine, sia che ci si trovi su terreni sconnessi o si passeggi lungo una spiaggia.

Sommario