Equinix: l’interconnessione sta trasformando il business

Equinix: l’interconnessione sta trasformando il business

Secondo Equinix, entro due anni, l’ampiezza di banda delle interconnessioni supererà il traffico Internet; un passaggio obbligato per la creazione di ecosistemi digitali.
Equinix, grazie ai suoi oltre 185 data center, fornisce servizi di interconnessione in cinque continenti a più di 9 mila imprese, delle quali oltre 200 fanno parte delle Fortune 500.
In Italia, grazie all’hub di Milano con i suoi quattro centri, la società annovera circa 200 clienti.

Emmanuel Becker, managing director Italy di Equinix, evidenzia la posizione dell’Italia come snodo di cavi sottomarini che collegano l’Europa con India, Africa, Medio Oriente e Sud-est asiatico e sottolinea come l’Open Hub Med consenta di rilanciare il ruolo del nostro paese nel contesto mondiale delle telecomunicazioni.
Michael Winterson, managing director Emea Equinix, spiega come l’interconnessione stia trasformando il business.

Equinix: l’interconnessione sta trasformando il business
Man mano che le aziende si organizzano per affrontare la digital disruption cresce l’esigenza di interconnessione e il bisogno di accedere ai mercati chiave e agli ecosistemi digitali.
Il business digitale dipende dall'interconnessione e la domanda mondiale sta crescendo velocemente. Sotto questa spinta i fornitori di servizi e le imprese chiedono a Equinix modalità diversificate di interconnessione.
Equinix favorisce l'economia digitale grazie alla propria piattaforma che fornice l'accesso agli ecosistemi industriali e la più ampia scelta di provider di reti e di cloud.
Direnc Dogruoz, senior Pm Emea Equinix, sottolinea come le architetture tradizionali non siano sufficienti per le attuali esigenze di interconnessione delle imprese.

L’interconnessione spiegata da Equinix
L’interconnessione è l’implementazione di punti di scambio di traffico IT che integrano connessioni dirette e private tra le controparti. L’interconnessione avviene meglio quando è ospitata all’interno di campus di data center carrier-neutral, in cui i componenti IT distribuiti sono colocati. In un’epoca in cui grandi moli di informazioni corrono in tutto il mondo con un semplice click del dito e in cui massicce transazioni si verificano sistematicamente diverse volte più velocemente di un battito di ciglia, l’interconnessione alimenta il business digitale.

Equinix: l’interconnessione sta trasformando il business

Emmanuel Becker, managing director Italy di Equinix

L’interconnessione è molto più che collegare con successo il punto A al punto B. I cavi telefonici hanno escluso quel semplice tipo di connettività anni fa. L’interconnessione di livello enterprise odierna ha alcune caratteristiche fondamentali che possono aiutare a portare il business digitale a un livello successivo:

Densità dell’ecosistema digitale - Il prefisso “inter” offre un indizio su ciò che rende l’interconnessione diversa dalla connettività standard, perché può significare “tra”. Quindi la connessione “inter” parla di una connettività che coinvolge diverse parti contemporaneamente. L’interconnessione collega numerose entità separate e le rende non solo in grado di unirsi tra loro in ecosistemi digitali, ma anche di connettersi come un’unica unità con altre entità, ecosistemi e gruppi di ecosistemi.
Questa è la connettività molti-a-molti che è richiesta in quest’era interconnessa, quando le aziende creano valore collegandosi a partner, clienti e dipendenti a livello globale per collaborare o scambiare dati. Queste entità devono essere in grado di connettersi istantaneamente e contemporaneamente su una varietà di dispositivi e attraverso varie fonti per eseguire le transazioni ultra veloci essenziali per il business di oggi.

Prossimità - Mettere insieme i player del mondo interconnesso (cloud, dati, aziende, ecosistemi digitali, individui) è solo un segno distintivo dell’interconnessione. Queste connessioni devono anche essere quanto più vicine possibile. La distanza crea latenza, e diminuire la distanza tra le varie controparti è l’unico modo per minimizzarla e offrire la massima esperienza utente possibile. Inoltre, le connessioni più strette (tramite collegamento incrociato o scambio di porte) sono tipicamente molto meno costose rispetto alle connessioni di reti a lungo raggio.

Connettività diretta - Le connessioni dirette che non hanno bisogno di accedere all’internet pubblico sono un’altra caratteristica chiave dell’interconnessione. Le connessioni dirette e private, 1-a-1 o 1-a-molti sono le connessioni più veloci e non solo offrono le migliori prestazioni, ma sono anche le più sicure. Questo è estremamente importante in un momento di espansione delle frontiere digitali e delle vulnerabilità.

Fornito tramite punti di scambio distribuiti a livello globale - Infine, le aziende, il cloud e le comunità digitali hanno bisogno di un posto dove riunirsi per essere sufficientemente vicini per realizzare le loro innumerevoli connessioni dirette. E questi luoghi devono essere vicini ad aree densamente popolate, o un’elevata latenza svaluterà l’esperienza dell’utente. In un’economia digitale globale, l’interconnessione deve avvenire in punti di scambio distribuiti in tutto il mondo, come i campus di colocation carrier-neutral, che operano con Equinix. L’alternativa è il backhaul del traffico verso un data center centrale, che è costoso e non può fornire la connettività che gli utenti richiedono.

Per riassumere:
L’interconnessione offre connettività molti-a-molti tra una vasta gamma di parti in stretta vicinanza l’una dall’altra e crea una densità di ecosistema digitale.
L’interconnessione fornisce una connettività diretta 1-a-1 o 1-a-molti tra le parti coinvolte. Solo le connessioni dirette possono oggi ottenere la bassa latenza e la sicurezza necessaria.
L’interconnessione avviene in punti di scambio distribuiti ospitati in strutture di colocation vendor-neutral. Questi luoghi sono dove le aziende, i fornitori di servizi, le reti, ecc… possono raccogliere e stabilire connessioni private e a bassa latenza con i loro utenti, cloud, archivi di dati, ecosistemi digitali, dipendenti - qualunque cosa serva per eseguire il proprio business.

Nel nostro mondo iper-connesso, l’interconnessione non è opzionale. Poiché le tecnologie digitali costringono le aziende a trasformare il proprio sistema informatico, diventando interconnessi, è necessario competere e crescere nell’economia digitale.
Se l’interconnessione è fondamentale per il business digitale, come può l’azienda sapere dove si trova oggi e dove andare? È qui che una metrica chiamata larghezza di banda dell’interconnessione è essenziale.
Mentre la larghezza di banda tradizionale misura quanti dati possono essere trasferiti su una determinata rete, la larghezza di banda dell’interconnessione mostra quanto sia pronto un settore o una regione a massimizzare l’interconnessione. In particolare, la larghezza di banda dell’interconnessione è una misura della capacità di trasferire traffico tramite interconnessioni dirette e private ai punti di scambio del traffico ospitati all’interno di campus di data center di colocation carrier-neutral.
Le aziende possono determinare i requisiti esistenti di larghezza di banda dell’interconnessione misurando la capacità e le connessioni installate del data center. Quindi, considerando la crescita proiettata della larghezza di banda dell’interconnessione per dimensioni aziendali, impronta regionale, casi di utilizzo o industrie verticali, si può individuare la quantità di banda di interconnessione necessaria per competere con successo nell’economia digitale.
La capacità di valutare e applicare in modo proattivo la larghezza di banda dell’interconnessione diventerà sempre più importante in quanto imprese e service provider creeranno nuove strategie per crescere e ampliare le proprie capacità e i risultati di business digitale.