Cloud Data Management, i trend del 2018 secondo Rubrik

Cloud Data Management, i trend del 2018 per Rubrik

Cristian Meloni, Country Manager Italia di ‎Rubrik, mette in evidenza i trend per il 2018 e l’importanza del Cloud Data Management nei processi di trasformazione. In tutti i settori, l Fine modulo e aziende stanno vivendo un’imponente trasformazione digitale che le porta ad operare in un’economia "always on" e ad offrire servizi in tempi rapidi per poter soddisfare le richieste di consumatori sempre più esigenti. Questo cambiamento richiede un'infrastruttura che supporti la disponibilità delle applicazioni 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sia nei data center che nel cloud, garantendo allo stesso tempo protezione e conformità dei dati.

Con la crescente importanza del data management per il raggiungimento degli obiettivi aziendali, le organizzazioni stanno esplorando nuove soluzioni per ottimizzare e automatizzare i relativi processi. Di seguito, le principali tendenze cui verosimilmente assisteremo nel corso del 2018:

1. Adozione accelerata del cloud
Anche se il cloud non rappresenta più un concetto nuovo in ambito enterprise, è pur sempre una tecnologia relativamente recente. Le aziende sono state caute nel migrare i propri dati - soprattutto quelli critici - nel cloud pubblico (o anche solo ibrido). Tuttavia, questa mentalità sta cambiando rapidamente e i CIO stanno dando maggiore priorità alle spese da destinare a tecnologie cloud nel 2018.
Per diverse ragioni, le aziende sono alla ricerca di soluzioni cloud-first. Uno studio di Spiceworks rivela che tra i principali motivi per passare al cloud vi sono accessibilità dei dati, disaster recovery e maggiore flessibilità. Gli strumenti in grado di sfruttare il cloud in modi nuovi - ad esempio per finalità di test/sviluppo e disaster recovery - saranno estremamente utili nella pianificazione delle strategie cloud aziendali, senza sacrificare il controllo da parte dell’utente.

2. Conformità al GDPR
Le aziende di tutto il mondo devono riconsiderare l'intera strategia di gestione dei dati per la conformità al General Data Protection Regulation (GDPR). Questa normativa, che entrerà in vigore a maggio 2018, è stata pensata per proteggere i dati personali dei residenti nella UE. Se molte aziende non hanno ancora chiaro come affrontare le spese relative al GDPR, altre stanno giustamente prendendo l’argomento in seria considerazione. Le aziende non conformi potranno essere multate fino a 20 milioni di euro o per un importo pari al 4% delle entrate annuali.
Le aziende sono alla ricerca di soluzioni che supportino la compliance con funzionalità quali ricerca indicizzata a livello globale, automazione e reporting personalizzabile. Le soluzioni di sicurezza rappresentano un’altra area di focus per le aziende, sia per via del GDPR che per l'aumento degli attacchi ransomware. Le tecnologie che offrono protezioni avanzate come crittografia end-to-end e gestione degli accessi rappresentano una priorità per molte aziende.

Si tratta di tendenze che rivelano come le aziende ritengano la gestione dei dati un'iniziativa realmente strategica. Nel 2018, molte tecnologie innovative si faranno largo e diventeranno accessibili per un'ampia varietà di casi d'uso. Il cloud data management avrà un ruolo importante per raggiungere e mantenere il successo in un’economia always-on.

Tagged under: cloud cloud ibrido GDPR