Intel Core di ottava generazione, non solo performance

Intel Core di ottava generazione, non solo performance

Ad Andrea Toigo, EMEA Territory IOT Sales Manager di Intel, è spettata la presentazione delle CPU Core i9 per mobile e delle altre varianti 8a generazione.
L’annuncio di queste ore è di quelli “ricchi” e particolarmente attesi, soprattutto perché interessa svariati prodotti e campi di applicazione. A tutti gli effetti si tratta di una estensione della gamma, dato che i Core di ultima generazioni furono svelati nel mese di agosto dello scorso anno (Serie U e low voltage, destinata a convertibili e 2-in-1). A ottobre è stato invece il momento del Kaby Lake refresh, con i device sei core mainstream della Serie K. Per ultima, la presentazione al CES (gennaio) delle CPU con GPU AMD Radeon RX Vega M integrata nello stesso chip, prodotti che hanno destato un notevole interesse.

Intel Core di ottava generazione, non solo performance

Oggi Intel annuncia l’estensione della famiglia di prodotti core, ma anche l’introduzione delle CPU Core i9 per la fascia alta di notebook, oltre a un miglioramento dei prodotti per il segmento mainstream laptop (ora con grafica Iris Plus). A questo si affianca una brand extension e i relativi nuovi badge identificiativi per il pubblico, oltre a nuove CPU desktop Serie S e Serie T (incluso il corrispettivo professionale su base vPRO e specifiche unità Xeon). A chiudere l’ampia carrellata, la disponibilità di nuovi chipset Intel 300 per motherboard.

Le CPU mobile Serie H promettono maggiori prestazioni e un consumo relativamente contenuto, questo per andare incontro alle esigenze degli utenti moderni, dalla creazione di contenuti in mobilità, al gaming, alla gestione di ambienti VR e Ultra MR. Oltre ai nuovi Core i7, i5 e i3, arrivano anche due versioni Xeon (come segnalato da Toigo, il 33% delle workstation oggi in uso è di tipo mobile) e un potente top di gamma Intel Core i9-8950HK.

Intel Core di ottava generazione, non solo performance

 

Clicca per ingrandire

L’impatto di questa "nuova ondata" di CPU sarà notevole sul mercato, dato che dal più potente Core i9, ai due modelli Xeon annunciati, sino alla versione Core i7, stiamo parlando di architetture con 6 nuclei operativi, capaci di gestire 12 thread. Tutti questi modelli vantano un doppio canale RAM DDR4 sino a 2.666 MHz e un TDP di 45 W. Per le varianti più potenti è inoltre possibile raggiungere clock in modalità Turbo di quasi 5 GHz.
La famiglia include inoltre due versioni Core i5 che, come le altre, beneficiano dell’architettura Coffee Lake co processo costruttivo 14nm++.

Sommario