Akamai è tra i protagonisti dell’Italian Hacker Camp 2018

Akamai è tra i protagonisti dell’Italian Hacker Camp 2018

Durante l’ultimo IHC che si è svolto a Padova, Akamai ha tenuto uno speech sul tema della sicurezza e sulle principali minacce che hanno contraddistinto i mesi passati.

Al parco la Fenice di Padova dal 2 al 5 agosto si è tenuto l’Italian Hacker Camp 2018, hacker camp italiano organizzato da Hermes - Center for Transparency and Digital Human Rights. Giovedì 4 agosto, nello spazio KRIKKIT, Marco Pacchiardo, di Akamai, ha tenuto lo speech dal titolo “Akamai State of the Internet report - un anno di attacchi DDoS”.

Marco Pacchiardo, Senior Enterprise Security Architect EMEA di Akamai
Tra le principali minacce che hanno segnato il 2017, si distinguono specialmente gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) che, usando un esercito di bot, inviano moltissime richieste al sito web di un’azienda facendolo andare in tilt a causa dell’eccessivo volume di dati che si trova a dover gestire. Siamo onorati di essere tra gli ospiti di questo importante appuntamento. La nostra missione principale è quella di aiutare le aziende a fornire la migliore esperienza online possibile e in un contesto dedicato alla cybersicurezza, non potevamo che affrontare questa tematica.

Il camp, che ha offerto tre sale talk, 90 ore di contenuti e 100 talk, è realizzato grazie alla partecipazione di diverse comunità hacker italiane ed altre associazioni (hacklab, lug, fsug, …) che sono state l’anima e il cuore del camp, che mantiene sempre uno sguardo verso il panorama dell’hacking internazionale.

Tagged under: Sicurezza DDoS security hacker