Juniper Networks accelera l’adozione dell'automazione

Nuove offerte di Juniper Networks per l’automazione di rete

Strumenti, laboratori e lo scambio di applicazioni innovative sono presenti nella nuova comunità collaborativa che vuole accelerare l’adozione dell’automazione. Juniper Networks annuncia una serie di nuove offerte mirate ad accelerare l’adozione delle pratiche di automazione.

Bikash Koley, Chief Technology Officer, Juniper Networks
Immaginate un mondo in cui i produttori di auto lanciassero nuovi modelli ogni anno ma non esistessero le scuole guida. Si finirebbe con l’avere moltitudini di auto ferme senza qualcuno capace di guidarle. Automatizzare le reti non è così diverso. Ogni anno vediamo comparire un nuovo prodotto capace di automatizzare “questo” o programmare “quello”, ma se non si parte dalle persone, dal cambiamento culturale sull’automazione, nessuno la adotterà. La nostra iniziativa punta a colmare il vuoto tra prodotti automatizzati e competenze sull’automazione per spingerne l’adozione.

Juniper EngNet offre accesso a dispositivi virtuali che girano nel cloud, completi di documentazione e una suite completa di strumenti per il passaggio dalle operazioni manuali a quelle automatizzate. A completamento di EngNet, Juniper ha introdotto NRE Labs, un curriculum di automazione on demand via web incentrato sul ruolo della network reliability engineering (NRE). Fanno parte dell’annuncio anche nuovi servizi professionali studiati per aiutare le aziende ad avvicinarsi al testing automatizzato, un fattore chiave per qualunque azienda che voglia usare l’automazione per sfruttare alla meglio la propria rete.

Nonostante quasi vent’anni di sforzi per spingere l’automazione di rete, la gestione della rete è tuttora dominata da operazioni manuali impartite mediante linea di comando (command line interface, CLI). Passare dal 70% di CLI al 70% di automazione richiede un ripensamento dell’approccio all’automazione della rete da parte dell’intero settore. Con la nuova offerta, Juniper trasforma gli individui che stanno dietro la gestione di rete, non i fornitori ne i loro prodotti, nell’elemento centrale di questa evoluzione. Juniper EngNet e i relativi tool e servizi sono pensati per fare progredire gli individui sia a livello di competenze sia di carriera.

-Juniper EngNet riunisce in un unico sito un ampio ventaglio di tool di automazione, risorse e comunità social. Il sito contiene documentazione sulle API, accesso a vari Lab Juniper, risorse virtuali, un portale di apprendimento e un Automation Exchange di strumenti per l’automazione di rete. EngNet ha l’obiettivo di promuovere il passaggio dell’intera comunità del networking dalla vecchia linea di comando a una tecnologia automatizzata.

-NRE Labs permette ai tecnici e ai gestori di rete una esperienza intuitiva con lezioni brevi e interattive sull’automazione di rete incentrate sui workflow reali come il troubleshooting, la verifica e la configurazione. I network reliability engineer possono misurare gratuitamente le proprie conoscenze sull’automazione e applicare le nozioni apprese. In questo modo hanno la possibilità di automatizzare i flussi nella propria rete utilizzando i tool aperti usati nelle lezioni.

-Cloud Customer Certification Labs (CCL) mette a disposizione degli utenti una piattaforma nel cloud Juniper ove progettare e fare girare un ambiente di laboratorio virtuale composto da sistemi di rete, generatori di traffico e altri strumenti per l’automazione di rete come Juniper Network Implementation and Test Automation (NITA). Per gli utenti che non dispongono di un proprio laboratorio fisico o che desiderano affiancare il cloud Juniper ai propri laboratori, Cloud CCL mette a disposizione dei tecnici di rete un ambiente critico per il testing e lo staging automatizzati.

L’offerta di servizi Juniper mette a disposizione diversi servizi tecnici formativi e professionali avanzati tesi a migliorare le capacità di automazione di rete. J1 Taas (Testing-as-a-Service) ad esempio utilizza la Cloud CCL per replicare le topologie di rete dei clienti, le configurazioni, i flussi di traffico e gli ambienti reali, validando tutte le modifiche e prevedendo i requisiti futuri.