Eolo, Cento Mega per 76 comuni dell'area Verbano-Cusio-Ossola

Eolo, Cento Mega per 76 comuni dell'area Verbano-Cusio-Ossola

Il maggior operatore in Italia nel fixed-wireless ultra-broadband ha connesso sino ad ora 16.000 persone residenti in 76 comuni della zona Verbano-Cusio-Ossola. Ad oggi questo è il numero dei comuni della provincia di Verbano-Cusio-Ossola capaci di sfruttare la tecnologia proprietaria di Eolo che permette di portare una connettività stabile ad alta velocità in aree del Paese non raggiunte dalla fibra ottica. In particolare, tra i 76 comuni che hanno scelto Eolo per la connessione, quelli con il maggior numero di utenti sono Trarego Viggiona con il 95,37%, seguito da Oggebbio, con una copertura pari al 71,33% e Cannero Riviera con uno share del 70,83%.

Luca Spada, presidente e fondatore di Eolo
La mission di Eolo è portare Internet dove gli altri non arrivano: garantire connessione, per noi, vuol dire sostenere la competitività a livello economico, garantendo attrattività e crescita per il territorio. Siamo orgogliosi di supportare i progetti e la crescita del territorio attraverso la nostra tecnologia proprietaria, abilitando la comunità delle famiglie che ci ha già scelto attraverso l’accesso alla banda ultralarga, necessaria per dare nuovo slancio ai sogni e alle ambizioni dei cittadini di Verbano-Cusio-Ossola e provincia.

Eolo offre una connessione Internet a 100 MB EOLOwaveG su frequenza 28GHz alle oltre 3,5 milioni di famiglie e imprese in Italia ancora oggi soggette ad un ormai anacronistico digital “speed divide”. L’azienda è stata la prima a realizzare una infrastruttura ultra-broadband fixed-wireless a 100 Mega basata su tecnologie di derivazione 5G, interamente made-in-Eolo, grazie alla quale tutti potranno avere accesso ad Internet in banda ultralarga ed essere in rete.

Secondo il Netflix Speed Index, Eolo risulta a livello mondiale come l’operatore FWA con le migliori prestazioni di servizio e connettività. Attraverso questa soluzione tecnologica, Eolo riesce quindi a sviluppare la connettività nelle aree scarsamente connesse. Le province coinvolte sono state identificate sulla base dei fabbisogni emergenti e fanno registrare i maggiori tassi di crescita nella connessione Internet via radio, che in media si sviluppa a tassi doppi rispetto al mercato della connettività via fibra.