Come sarà il lavoro del futuro? IDC punta sui mobile worker

Come sarà il lavoro del futuro? IDC punta sui mobile worker

Digitalizzazione e tecnologia cambieranno il mondo del lavoro futuro. La previsione vede nel 2022, il 65% della forza lavoro europea composto da mobile worker. La trasformazione dello spazio di lavoro è stato il tema di una serie di appuntamenti che IDC e VMware, in collaborazione con AD Consulting, CH Ostfeld, SoftwareOne e Speditamente, hanno organizzato tra giugno e ottobre a Roma, Bologna, Firenze, Genova e Napoli. Con il titolo Empowering the Digital Workspace: le tecnologie digitali ridisegnano lo spazio di lavoro per potenziare le capacità individuali e migliorare i risultati aziendali, il roadshow ha visto la partecipazione di CIO e IT manager italiani interessati a capire come semplificare e rendere sicuro l'accesso alle applicazioni aziendali, migliorare l'esperienza della collaborazione e supportare le aziende nel percorso di trasformazione degli spazi di lavoro.

Daniele Rao, Senior Director Research and Consulting di IDC Italia
In ambienti sempre più popolati da lavoratori in movimento e device e app intelligenti, le postazioni fisiche di lavoro tendono ormai a essere sostituite dalle cosiddette piattaforme di Digital Workspace, ovvero spazi di lavoro online dove ogni individuo può accedere in maniera univoca alle proprie informazioni di lavoro indipendentemente dal luogo, dal momento o dal dispositivo utilizzato. Il paradigma Digital Workspace oggi sostituisce quello della postazione fisica di lavoro: il focus si sposta su chi sei/cosa fai rispetto al quando entri/quando esci/dove sei.

Nel corso dei cinque appuntamenti, è emerso come nelle piattaforme di Digital Workspace confluiscano e si integrino tecnologie in grado di cambiare e migliorare il modo di lavorare offrendo a imprese e utenti maggiore focalizzazione sulle attività e sul business aziendale.
L’importanza che queste piattaforme stanno assumendo è testimoniata anche dai numeri. IDC prevede che in Europa Occidentale i mobile worker cresceranno con un tasso composto medio annuo del +3,6%, passando da 103 milioni di individui nel 2017 a 123 milioni nel 2022.

Luca Zerminiani, Director System Engineering Italy di VMware Italia
I tradizionali metodi di gestione, protezione e supporto di forze lavoro, app e dati non sempre soddisfano le esigenze aziendali. Per cogliere nuove opportunità e far fronte a nuove sfide, le aziende di ogni settore stanno esplorando nuove soluzioni che consentano loro di migliorare la produttività, l'efficienza dal punto di vista dei costi e l'agilità dell'organizzazione. L'implementazione di una soluzione di Digital Workspace può aiutare l'IT a sfruttare le opportunità offerte dai rapidi cambiamenti introdotti dalla consumerizzazione e a soddisfare le esigenze di un'ampia gamma di utenti e casi d'uso all'interno dell'azienda.

A livello tecnologico, la sempre più spinta digitalizzazione del posto di lavoro sta portando le piattaforme UCC (Unified Communication and Collaboration) a integrare processi di mobilità, collaborazione e social, nonché a sviluppare funzioni di smart building, preparandosi a diventare soluzioni integrate di business process management. Nelle aziende stanno sparendo le postazioni individuali e si stanno moltiplicando gli spazi per la collaborazione. Sul fronte degli utenti finali, accanto ai più tradizionali device mobili, stanno arrivando nuovi dispositivi che estenderanno il concetto di “smart working” a “intelligent working” e “augmented worker performance”.

Indubbiamente, con il crescere della forza lavoro mobile aumenterà la complessità degli ambienti tecnologici da gestire e si moltiplicheranno i fronti relativi alla sicurezza del patrimonio informativo aziendale e alla privacy dei lavoratori e degli attori della business community. Le piattaforme di Digital Workspace che offrono la centralizzazione della gestione dello spazio di lavoro fisico e virtuale diventano perciò essenziali per mantenere il controllo sugli asset aziendali, ottenere una migliore produttività e anche una più alta qualità dell’esperienza lavorativa delle persone.