Ericsson ConsumerLab: i social media nell’era delle fake news

Ericsson ConsumerLab: i social media nell’era delle fake news

L’ultimo report promosso da Ericsson ConsumerLab  ha voluto analizzare l’atteggiamento dei consumatori verso i social media e come evolverà il loro utilizzo. Secondo l'ultimo rapporto dell’Ericsson ConsumerLab “#OMG Social is here to stay” , nonostante la negatività generata dai recenti scandali sulla privacy, l'utilizzo dei social media continua ad aumentare. Si assiste, infatti, a un incremento degli utenti e del tempo medio trascorso sulle piattaforme social. Attualmente, oltre 3 miliardi di persone accedono regolarmente ad almeno un social media. A livello globale, tra il 2014 e il 2018 il tempo medio trascorso sulle social media app è aumentato di quasi il 60%, passando da 30 minuti al giorno nel 2014 a 47 nel 2018.

André Gualda, Senior Advisor dell’Ericsson ConsumerLab
Dopo tutte le critiche e negatività, in particolare dovute a Cambridge Analytica e ad altre violazioni della privacy, abbiamo voluto verificare se media ed analisti avessero ragione ad affermare che i social media stessero perdendo popolarità. In realtà, i social media non stanno affatto peggiorando, anzi, stanno continuando a crescere.

I principali risultati dello studio sono stati:

- Tra il 2014 e il 2018 il tempo medio trascorso utilizzando social media app è aumentato quasi del 60%.
- Meno di un utente su cinque si fida delle informazioni lette sui social media.
- Quasi il 70% degli utenti ritiene che le social media company dovrebbero garantire l’assenza di contenuti fake dalle loro piattaforme.
- Un utente su cinque crede che otterrà di più dalle notizie sui social media in cinque anni.

Le fake news, però, stanno erodendo la fiducia degli utenti. Oltre il 50% dei consumatori intervistati negli Stati Uniti e nel Regno Unito ha ammesso di aver letto notizie sui social media che in seguito ha scoperto essere false e quasi uno su quattro ha ammesso di aver condiviso articoli che in seguito si sono rivelati falsi. Meno di un utente su cinque si fida delle informazioni lette sui social media.
Inoltre, quasi il 70% degli utenti pensa che le social media company dovrebbero garantire l’assenza di contenuti falsi dalla propria piattaforma e oltre la metà degli intervistati crede che i social media dovrebbero essere legalmente responsabili per le notizie false. 3 utenti su 5 affermano che le social media company dovrebbero assumere persone per rivedere i contenuti, mentre il 40 percento sostiene che questo compito debba essere svolto dall’intelligenza artificiale.

I brand social hanno vita breve: tra le 10 piattaforme di social media più popolari del 2008, 5 non esistono più e solo 2 rimangono tra le prime 10 del 2018. Facebook detiene la corona del brand più popolare, tuttavia la crescita della sua base di utenti e del tempo trascorso sul sito sta rallentando e in alcuni paesi questi parametri sono persino in diminuzione.

Un ulteriore aspetto che emerge dal report riguarda la connotazione negativa che si sta diffondendo verso i social media. Il 30% dei consumatori intervistati negli Stati Uniti e nel Regno Unito si rifiuta di dichiarare quanto tempo trascorre sui social media e quasi 7 utenti su 10 pensano che i loro amici facciano lo stesso. Inoltre, 4 utenti su 10 ritengono che gli “heavy user” dei social media siano screditati dagli altri e il 70% pensa che l'uso eccessivo dei social media non sia salutare.

In conclusione, i social media restano parte integrante dell'infrastruttura sociale: sebbene i consumatori stiano attualmente condividendo di meno, i social media sono troppo legati alle loro vite per poterli abbandonare. Circa un utente su cinque crede che otterrà di più dalle notizie sui social media in cinque anni.