Software AG, ecco i cinque trend 2019 del settore retail

Software, ecco i 5 principali trend 2019 del settore retail

La tedesca Software AG presenta alcune previsioni per l’anno in corso relative al comparto retail sottolineando la centralità della trasformazione digitale e del cliente.

1. Personalizzazione. Un numero maggiore di aziende del settore sfrutterà la differenziazione emotiva, mirando ai sentimenti dei potenziali clienti, creando una connessione emotiva con il marchio. Parte di questo trend sarà legato alla personalizzazione; inoltre, gli operatori del settore aggiungeranno iper-personalizzazione (contesto, tempo reale) sia del prodotto che dell’esperienza. L'intelligenza artificiale può essere d'aiuto in tal senso, ma se basata su dati di qualità, quindi un grande limite sarà dato dalla disponibilità e dalla raccolta dei dati.

2. Più automazione. La vendita al dettaglio corre sempre più veloce: i clienti richiedono le cose più velocemente e l’asticella continua ad alzarsi. Questo impatta le internal operation – l’essere in grado di rispondere in tempo utile. Oltre a investire nell'automazione dei processi con l’RPA (Robotic Process Automation), come passo verso l'automazione completa dei processi aziendali, i retailer considereranno la real-time analytics per rispondere a ciò che accade con i clienti nelle loro catene di approvvigionamento e nei loro negozi. Impareranno come rendere operative le tecnologie di AI e di machine learning al fine di fornire valore reale.

3. La potenzialità dell’IoT. L'Internet of Things potrebbe essere la strada verso un futuro di successo per le aziende retail, ma molti la considerano piena di rischi. Le preoccupazioni in merito a sicurezza, complessità e connessione all'ecosistema IT esistente ne limiteranno l’adozione per un certo periodo. I retailer intelligenti guarderanno a ciò che viene fatto in altri settori e cercheranno di utilizzare l'infrastruttura con alti livelli di sicurezza, scegliendo fornitori con comprovata esperienza.

4. Allearsi per crescere. Gli ecosistemi diventeranno più complessi. Un modo per aumentare il fatturato e differenziare è sfruttare le partnership. Esempi includono il rapporto di Amazon con Morrisons nel Regno Unito, dove i negozi sono centri di distribuzione locali. Kroger e Sobeys hanno esternalizzato le vendite di generi alimentari online a Ocado, mentre Ahold ha collaborato con il fornitore di kit per cucinare Blue Apron. Questi tipi di ecosistemi cresceranno e diventeranno più complessi, il che significa che la gestione delle API diventerà molto più critica.

5. Il commercio headless. I vincitori comprenderanno che per innovare hanno bisogno di separare i sistemi di back-office dai punti di contatto con il cliente. Noto anche come commercio headless, questo offre la flessibilità necessaria per ottimizzare e migliorare continuamente il percorso del cliente al front end, senza dover cambiare costantemente il back-office. Questo approccio è stato evidenziato nella Retail Software Adoption Survey di Software del 2018, in cui i leader digitali utilizzano "piattaforme di integrazione di terze parti per isolare le piattaforme digitali dai cambiamenti, aumentare l'estensibilità e ottenere velocità di implementazione".

Oliver Guy, Global Industry Director for Retail di Software
Nel 2019, la risposta alle aspettative dei consumatori determinerà i livelli di successo. I leader continueranno ad applicare attivamente le tecnologie digitali ai problemi di business. Le previsioni sulle scelte dei clienti guideranno la crescita. Senza un impegno assoluto per la trasformazione digitale, le aziende del Retail rischiano di perdere terreno.