Compumark, in aumento i casi di violazione dei marchi

Compumark, in aumento i casi di violazione dei marchi

Compumark ha pubblicato i risultati di una ricerca, esaminando lo stato dei marchi e intervistando 352 esperti del settore: aumentano le violazioni dei brand.

Infatti, l'81% delle aziende ha subito una violazione dei marchi nel 2018; quasi il 10% in più rispetto al 2017.
La ricerca rivela come il 40% degli intervistati abbia dichiarato di aver riscontrato da 1 a 10 casi di violazione, e un altro 22% ne ha subiti addirittura di più: da 11 a 22.
Tre sono le principali conseguenze , della violazione dei marchi: confusione negli utenti, danni all’immagine del brand, e minor tasso di fiducia e fedeltà nei clienti.
Per questa ragione, , quasi tre quarti delle aziende ha intrapreso azioni legali contro i marchi contraffatti, e un altro 30% si è spinta a dover modificare un marchio, in seguito ad una violazione.
Gli intervistati hanno dichiarato di aver subito violazioni in un'ampia gamma di ambiti, tra cui design industriale, nome di social media, nome commerciale, domini web, campagne pubblicitarie e mercati online.

Jeff Roy, Presidente, CompuMark
Il panorama della registrazione dei marchi è in rapida evoluzione, di conseguenza i brand e i professionisti del settore devono adeguarsi per garantire di essere in grado di mitigare efficacemente i rischi associati alle potenziali violazioni. Il report mostra che sia l'attività di registrazione dei marchi che le violazioni sono in aumento, evidenziando l'esigenza di una maggiore efficienza e vigilanza quando si tratta di ricercare nuovi marchi e proteggere quelli esistenti.

Dallo studio commissionato da CompMark (divisione di Clarivate Analytics) è emerso che la tecnologia è stata identificata come l'elemento principale che potrebbe rendere più agevole il processo di ricerca e protezione dei marchi, come menzionato dal 59% degli intervistati. È stata anche indicata come uno dei fattori che potrebbero semplificare il processo iniziale di creazione dei nomi, secondo il 56%.
Inoltre, un terzo degli intervistati ha dichiarato di aver assistito a un aumento della registrazione di marchi non tradizionali, come per odori, movimenti e colori.

Jeff Roy
La ricerca dimostra che la tecnologia deve assumere un ruolo più centrale nel supportare i professionisti dei marchi durante il processo di registrazione e poi nella protezione dei marchi stessi. Ciò sarà sempre più importante in quanto l'ecosistema dei marchi si evolve e cresce, e i professionisti del settore continuano ad affrontare sfide legate al time-to-market, alla mancanza di tempo, alle questioni di bilancio e alle crescenti minacce a cui è sottoposto il business in un mercato globale. Per aiutare questi professionisti in un clima di cambiamento, CompuMark si impegna a fornire nuovi prodotti e miglioramenti.

La situazione italiana è solo leggermente migliore rispetto a quella globale: il 71% dei marchi ha subito violazioni nel 2018, contro l’81% dell’intero campione.
Inoltre, nel nostro Paese il 33% di marchi ha dovuto cambiare un nome in seguito alla violazione subita, e l’83% delle aziende ha intrapreso azioni legali.
Nel dettaglio, ecco quali sono i tipi di infrazioni viste sul territorio italiano nel 2018:
- Design industrial: 39%
- Nome dei social media: 14%
- Nome commerciale: 56%
- Domini Web: 42%
- Campagne pubblicitarie: 33%
- Mercati online: 19%

Quasi la metà (49%) dei professionisti del marchio ha dichiarato di aver depositato più marchi rispetto agli anni precedenti In Italia, il 47% dei professionisti del marchio afferma che i budget sono aumentati nel 2018 vs 54% globalmente. Sfide con il processo di archiviazione del marchio oggi (al primo posto):

- Velocità da esaminare (troppo lento): 22%
- Rispondere alle opposizioni: 14%
- Rispondendo alle azioni dell'ufficio: 27%
- Educazione del cliente: 12%

Le più grandi sfide quando si tratta di lanciare e cancellare un nuovo marchio
- Pressioni temporal: 37%
- Questioni di bilancio: 43%
- Globalizzazione (dover cancellare un marchio su più mercati): 49%
- Velocità di commercializzazione: 51%
- Avvio in un ambiente multicanale: 31%
- Mancanza di strumenti / software / risorse: 29%

In Italia, il 98% dei professionisti del marchio commerciale ricerca marchi di immagine , contro il 96% del totale del campione. Maggiore anche l’attenzione alla ricerca sulla traducibilità di un marchio proposto: 86% per l’Italia, 73% il mercato globale.