QNAP TVS-972XU, nove drive bay per il tiering avanzato

Le prove si sono svolte adottando la consueta piattaforma Intel Core-i7 6700K con storage interno Samsung 950 PRO M.2 PCIe, Windows 10 PRO e adattatore di rete Asus XG-C100C a 10 GBit. Per la prova abbiamo realizzato un array RAID 5 con quattro drive Seagate ST3000DM001 da 3 TByte in modalità Thick Volume (per le maggiori prestazioni). Successivamente abbiamo aggregato una unità SSD da 256 GByte per abilitare QTier e le funzionalità di SSD Caching.

QNAP TVS-972XU, nove drive bay per il tiering avanzato

La comunicazione a 10 Gbit è stata resa possibile dallo switch QNAP QSW-804-4C, un dispositivo non gestito 10 GbE a 8 porte pensato per aggiornare facilmente l’ambiente di rete a costi ridotti. Lo switch supporta gli standard 10GBASE-T e NBASE-T che consentono di sfruttare i vantaggi di velocità di rete elevate con i cavi Cat 5e e 6a esistenti. Entrambe le porte SFP+ (fibra) e RJ45 (rame) sono disponibili (con 4 porte combinate) per soddisfare le richieste di diverse reti.

QNAP TVS-972XU, nove drive bay per il tiering avanzato

QNAP TVS-972XU, nove drive bay per il tiering avanzato

In condizioni di test standard a 10 GbE abbiamo registrato fino a 587 MB/s in lettura e 489 MB/s in scrittura lineare; performance di tutto rispetto che consentono di impiegare il NAS per lo streaming multiplo e l’accesso simultaneo a file di grandi dimensioni (archivi, database). L’abilitazione delle funzionalità di crittografia riducono mediamente le prestazioni del 14%.

QNAP TVS-972XU, nove drive bay per il tiering avanzato

La prova di stress prolungato con NAS Performance Tester ha evidenziato la buona capacità di gestire file di dimensioni di varie dimensioni, con prestazioni in lettura che raggiungono i 640 MB/s quando si spostano singoli archivi molto grandi (sopra gli 8 GByte). La macchina risponde bene anche se si elaborano file con dimensioni di alcune centinaia di MByte, con velocità di scrittura e lettura che si attestano sui 500 MB/s.

QNAP TVS-972XU, nove drive bay per il tiering avanzatoCalano invece, come è naturale per via della gestione stessa del file system, le velocità di lettura e scrittura se si lavora con documenti sotto 1 MByte. In questo caso la scrittura risulta comunque sostenuta, a circa 392 MB/s, mentre si riduce sensibilmente la velocità abilitando la crittografia delle cartelle.

QNAP TVS-972XU, nove drive bay per il tiering avanzato

Per configurare l’over-provisioning con QTier abbiamo installato due storage SSD Kingston SV300 da 240 GByte ciascuno, opportunamente aggregati in RAID 1. Per abilitare questa funzione servono storage di dimensioni medio/grandi, dato che una certa fetta dello spazio di archiviazione sarà impiegata dal sistema per le operazioni interne. Al crescere della capacità aumenta anche la soglia di over-provisioning che è possibile abilitare (nel nostro caso 20%, in rapporto al pool principale RAID 5 da 9 TByte lineari).

QNAP TVS-972XU, nove drive bay per il tiering avanzato

Dopo aver addestrato il sistema di caching nella gestione dei file a più frequente accesso, abbiamo riscontrato un sensibile aumento delle prestazioni, dovuto all’impiego preponderante dello storage SSD. A beneficiarne proprio l’accesso ai file di dimensioni medio/piccole, con incrementi di velocità che superano il 15%.

QNAP TVS-972XU, nove drive bay per il tiering avanzato

Il consumo istantaneo è espresso in Watt

Sul fronte consumi, la configurazione equilibrata del TVS-972XU ha permesso di raggiungere valori interessanti anche sotto stress. Quando il NAS è accesso con un basso carico di attività si registra un assorbimento di circa 66 W, che salgono a un massimo di 81 W quando il sistema è impegnato (considerando l’adozione di quattro drive da 3 TByte ciascuno Seagate ST3000DM001). Se spenta, l’unità consuma 3 W.

Nel complesso, QNAP TVS-972XU si è dimostrato particolarmente flessibile, con una grande scalabilità verso l’alto, in base alle esigenze dell’azienda. La configurazione di base, non certamente economica, è però già ben accessoriata. Chi desidera sfruttare le funzionalità di virtualizzazione dovrà ponderare con attenzione un upgrade di memoria; 4 GByte sono infatti pochi per una gestione fluida delle VM. 

Punteggio
82
su 100
PRO
Elevate prestazioni; interessante rapporto performance/consumo; 9 drive bay in rack 1U; avanzato supporto QTier e SSD Cache; QTS completo e veloce; Lan 10 GbE.
CONTRO
Manca USB frontale; bay da 2,5” non accessibili direttamente; qualche limite per le VM con 4 GByte; cassetti senza chiusura a chiave.

Sommario