Il Campus Party di Milano si prepara per la terza edizione

Il Campus Party di Milano si prepara per la terza edizione

Dal 24 al 27 luglio, a Milano si svolgerà il Campus Party, dove i partecipanti da tutto il mondo si confronteranno per (ri)scrivere il codice sorgente del Paese. Tra le novità di quest’anno la possibilità per gli studenti di ottenere Crediti Formativi Universitari. Tra le tante università partner dell’evento, che fino ad oggi hanno aderito, anche l’Università di Milano-Bicocca che ha già adottato questa modalità, a partire dallo scorso anno, certificando la partecipazione a 480 tra i suoi studenti. Quest’anno l’evento sarà rivolto anche ai giovani dai 14 ai 18 anni che verranno coinvolti in un progetto di orientamento al lavoro e di alternanza pensato per avvicinarli, in modo innovativo, dinamico e vocazionale, al mondo del lavoro (Campus Party Connect).

Quattro giorni e quattro notti non stop, 450 ore di contenuti, 4mila tende fornite dall’organizzazione e realizzate in collaborazione con Nexi, 20mila campuseros (così vengono chiamati i partecipanti) attesi, 250 speaker provenienti da tutto il mondo che si alterneranno su sei diversi palchi: questi alcuni dei numeri previsti per la terza edizione del principale festival internazionale sul mondo dell’innovazione e della creatività, che si terrà negli spazi di Fiera Milano Rho.

Tra gli oltre 250 gli ospiti che saliranno sui palchi di Campus Party, anche Aimee Van Wynsberghe, presidentessa e co-founder della “Foundation for Responsible Robotics” che parlerà dell’etica dei robot, Daniele Bigi, responsabile degli effetti speciali di Industrial Light&Magic, e Valeria Cagnina, 17 anni e già eccellenza italiana nel mondo della robotica, tra le 50 donne più influenti nel mondo tech.

Carlo Cozza, Presidente di Campus Party Global
Sui nostri palchi quest’anno ospiteremo anche cyborg, biohacker e attivisti digitali. Sarà un’edizione ricca di novità, a fianco di partner d’eccezione. I ragazzi che vengono a vivere questa esperienza hanno nel DNA l’innovazione, la curiosità, e sono la speranza del nostro Paese. Sono ragazzi che spenderanno una settimana delle loro vacanze nel tentativo di migliorarsi e di dare un impatto positivo al futuro loro e di tutti. 

Le tre aree del Campus Party
-Arena: il cuore dell’evento, con 6 palchi, 2 workshop e 3 BarCamp sui quali saliranno relatori di spicco nel panorama nazionale ed internazionale. Un ampio coworking, numerose attività speciali dove formarsi e fare networking. Luogo di ritrovo delle communities che partecipano all’evento ogni anno sempre più numerose e spazio di divertimento con Meet&Greet, dj set e attività autogestite dai partecipanti. All’interno anche una Job Factory raddoppiata nelle dimensioni, in collaborazione con HRC Digital Generation. La Job Factory è uno spazio di incontro non convenzionale tra giovani e aziende per scoprire le professioni più richieste, con eventi e appuntamenti per approfondire le nuove tendenze del mondo del lavoro. Un laboratorio full-time di formazione, orientamento e sperimentazione, con un'area "Skillz workout" - dedicata a potenziare il proprio profilo professionale e a sviluppare una ricerca attiva di lavoro - momenti di incontro e condivisione con i manager, job vacancy, interventi di storytelling con testimonial aziendali d’eccezione, simulazioni di colloquio e soluzioni per presentare in maniera rivoluzionaria il cv.

-Experience: area interattiva dove toccare con mano il futuro e le tecnologie innovative: robot, droni, Virtual e Augmented Reality, simulatori, tornei e aree dedicate al gaming. Non mancherà il mondo esport, con postazioni dedicate e la presenza di Campus Party Sparks, che grazie ad un team internazionale di giovani promesse sta raggiungendo straordinari successi.

-Village: l’area di riposo dei campuseros, all’interno della Fiera, dove riposare in tenda e trovare infrastrutture dedicate al relax.