IBM conclude l’acquisizione di Red Hat per 34 mld USD

IBM conclude l’acquisizione di Red Hat per 34 mld USD

IBM e Red Hat annunciano la chiusura della transazione in base alla quale IBM ha acquisito tutte le azioni ordinarie emesse e in circolazione di Red Hat.
Una operazione da 190,00 dollari per azione in contanti, per un valore totale di circa 34 miliardi di dollari.

Di fatto, l'acquisizione ridefinisce il mercato del cloud per le imprese.
Le tecnologie hybrid cloud aperte di Red Hat sono ora abbinate all'ineguagliabile portata e ampiezza dell'innovazione e dell'esperienza di IBM nel settore, oltre alla leadership commerciale in oltre 175 paesi. Insieme, IBM e Red Hat daranno un nuovo impulso all'innovazione offrendo una piattaforma ibrida multicloud di nuova generazione. Basata su tecnologie open source, come Linux e Kubernetes, la piattaforma permetterà alle aziende di distribuire, eseguire e gestire in modo sicuro dati e applicazioni on-premises e su cloud privati e pubblici multipli.

Red Hat continuerà a essere guidata da Jim Whitehurst e dal suo attuale management team. Whitehurst entra a far parte del senior management team di IBM, riferendo a Ginni Rometty. IBM manterrà la sede centrale di Red Hat a Raleigh, North Carolina, così come le sue sedi, i suoi brand e le sue pratiche. Red Hat opererà come unità distinta all'interno di IBM e sarà considerata come parte della divisione Cloud e Cognitive Software di IBM.

Il fatturato cloud di IBM è cresciuto dal 4 per cento del fatturato totale nel 2013 al 25% di oggi. Questa crescita avviene attraverso una gamma completa di offerte e software as-a-service, servizi e hardware che consentono a IBM di fornire servizi di consulenza, sviluppo, migrazione e gestione di soluzioni cloud in ambienti pubblici, privati e on-premise dei clienti. Il fatturato IBM Cloud annuale a marzo di quest’anno è cresciuto a oltre 19 miliardi di dollari. L'acquisizione di Red Hat dovrebbe contribuire a una crescita per IBM pari a circa due punti del fatturato annuo composto per un periodo di cinque anni.

Il fatturato di Red Hat per l'anno fiscale 2019 è stato di 3,4 miliardi di dollari, con un incremento del 15% rispetto all'anno precedente. Il fatturato fiscale del primo trimestre 2020, riportato in giugno, è stato di 934 milioni di dollari, in crescita del 15% rispetto all'anno precedente. In quel trimestre, il fatturato da sottoscrizione di licenze è aumentato del 15% rispetto all'anno precedente, compreso il fatturato derivante dallo sviluppo di applicazioni e da altre offerte di tecnologie emergenti, in crescita del 24% rispetto all'anno precedente. Anche i ricavi dei servizi sono cresciuti del 17%.

La capacità congiunta di IBM e Red Hat di valorizzare il cloud ibrido per le imprese sta già risuonando tra le aziende che stanno passando al prossimo capitolo della reinvenzione digitale.

IBM e Red Hat hanno una profonda esperienza e valori open source.
Le due aziende hanno lavorato insieme per più di 20 anni per fare dell'open source la scelta predefinita per le moderne soluzioni IT. Ciò include l'importanza data a una governance aperta e l’impegno ad aiutare i progetti e le comunità open source attraverso un contributo continuo. Con Red Hat, IBM ha acquisito una delle più importanti società di software nel settore IT. Il modello di business pionieristico di Red Hat ha contribuito a portare l'open source - incluse tecnologie come Linux, Kubernetes, Ansible, Java, Ceph e molte altre – al centro dell’attenzione delle imprese. Oggi, Linux è la piattaforma di sviluppo più utilizzata. Red Hat Enterprise Linux da solo dovrebbe contribuire con più di 10 trilioni di dollari di fatturato globale nel 2019. Entro il 2023, si prevede che altre 640.000 persone avranno posti di lavoro legati a Red Hat.

IBM e Red Hat condividono anche un forte impegno per la responsabilità sociale e un comune obiettivo volto ad applicare la tecnologia e le competenze per affrontare alcune delle sfide sociali più significative del mondo.
Insieme, le due aziende si sono impegnate a espandere questo impegno di lunga data attraverso nuove iniziative congiunte, affrontando le esigenze di istruzione e competenze, quelle civiche e sociali e lo sviluppo della forza lavoro nel campo della scienza, della tecnologia, dell'ingegneria e della matematica (STEM).