VMware annuncia novità per la piattaforma Workspace ONE

VMware annuncia novità per la piattaforma Workspace ONE

VMware ha annunciato, durante il VMworld 2019 US, importanti novità per la piattaforma VMware Workspace ONE.

Le innovazioni in ambito VDI a livello di gestione, sicurezza e multi-cloud permetteranno ai team IT di sfruttare la potenza dell'automazione per gestire in modo intelligente e sicuro l'accesso a qualsiasi applicazione, su qualsiasi cloud, su qualsiasi dispositivo.

Shankar Iyer, Senior Vice President e General Manager, End User Computing, VMware
Gestire l'esperienza dei dipendenti in modo olistico – dalla loro assunzione alla pensione - deve essere al centro della progettazione del digital workspace di ogni azienda ed è fondamentale per il successo della trasformazione della forza lavoro. Con Workspace ONE, l'IT può consentire ai dipendenti di essere più produttivi fornendo loro l'accesso alle risorse di cui hanno bisogno e, allo stesso tempo, facendo progredire le moderne iniziative di gestione dell'organizzazione e di sicurezza zero trust.

Workspace ONE Intelligent Hub ora include un assistente virtuale gestito da IBM Watson con cui gli utenti possono interagire utilizzando l'elaborazione del linguaggio naturale (PNL) o del testo. Workspace ONE è la prima piattaforma digitale che integra un assistente virtuale basato sull'intelligenza artificiale.

Con il nuovo servizio di “concierge digitale”, Workspace ONE Intelligent Hub Virtual Assistant, i dipendenti saranno in grado di svolgere numerose attività IT e HR, tra cui l'acquisto e la registrazione indipendente di un nuovo dispositivo, la risoluzione dei problemi dei profili Wi-Fi, la gestione dei ticket del service desk e la selezione dei benefit. I dipendenti potranno inoltre utilizzare l'assistente virtuale per accedere a risorse specifiche dell'organizzazione, come le policy aziendali, le sedi degli uffici e le mappe delle postazioni, nonché altri processi aziendali e di team.

Inoltre, VMware sta incrementando ulteriormente il valore della produttività di Workspace ONE Intelligent Hub con nuove ed esclusive integrazioni Mobile Flows a supporto delle applicazioni HR, di business e di IT Service Management (ITSM). Ad esempio, un’integrazione con Atlassian Jira Service Desk consente l’offerta continua di informazioni sui ticket di servizio e aggiornamenti in Intelligent Hub. Queste nuove integrazioni si basano sui flussi di lavoro contestuali con un solo clic già supportati nella piattaforma con partner come Salesforce, Coupa, SAP Concur e altri.

La gestione digitale dell'esperienza dei dipendenti attraverso i dispositivi migliora l'esperienza dei dipendenti sulle piattaforme mobile e desktop
Per aiutare le organizzazioni a gestire e misurare il valore offerto ai dipendenti, VMware sta lanciando un'anteprima tecnologica di Digital Employee Experience Management, un nuovo servizio di Workspace ONE Intelligence che consentirà all'IT di rilevare e risolvere automaticamente e in modo proattivo i potenziali problemi che potrebbero avere un impatto sull'esperienza dei dipendenti su tutto il loro hardware, sistema operativo, applicazioni, sulla base della telemetria in tempo reale dal loro digital workspace. Inoltre, sfruttando le capacità combinate di Workspace ONE UEM, Workspace ONE Intelligence e Apteligent, il Digital Employee Experience Management è l'unica soluzione nel settore a supportare completamente l'IT con queste capacità sia su piattaforme mobili che desktop con automazione completa per il self-healing e la remediation.

Quando si verifica un problema sul dispositivo di un dipendente, l'IT deve essere in grado di reagire rapidamente per ridurre al minimo i tempi di inattività. Per raggiungere questo obiettivo, VMware sta espandendo le funzionalità Workspace ONE Assist (precedentemente Workspace ONE Advanced Remote Management) per includere funzionalità di supporto remoto per i dispositivi Windows e macOS knowledge worker. Questo si aggiunge a un elenco di dispositivi, che include iOS, Android, Windows CE e dispositivi rinforzati. Ora, gli amministratori possono ottimizzare l'esperienza dei dipendenti attraverso la diagnosi e la risoluzione remota dei problemi degli utenti su piattaforme mobili e su PC e riportarli rapidamente in funzione.

VMware annuncia numerose innovazioni e integrazioni con il suo ampio ecosistema che estende le funzionalità di Workspace ONE a tutte le piattaforme.
VMware continua a espandere il proprio supporto alla gestione moderna di Windows 10 e sta introducendo uno strumento di migrazione AirLift per aiutare i clienti ad accelerare la transizione verso Windows 10. Oltre a supportare la migrazione di Microsoft System Center ConfigManager (SCCM), lo strumento può ora anche automatizzare il processo di migrazione di Group Policy Objects (GPO) da Microsoft System Center ConfigManager (SCCM) a Workspace ONE.

Workspace ONE ha inoltre aggiunto un'altra novità per la gestione di Windows 10 con Workspace ONE Enterprise App Catalog, che funge da one-stop-shop per l'IT per l'acquisto di centinaia di applicazioni di uso comune, preconfezionate e configurate pronte per la distribuzione all'utente finale. Inoltre, le applicazioni vengono pre-testate e tenute aggiornate per aiutare a garantire una corretta installazione. Ora l'IT può dedicare meno tempo al test e all'aggiornamento delle applicazioni e più tempo a fornire i servizi a cui i dipendenti sono interessati.

Dell Technologies Unified Workspace integra Workspace ONE nei dispositivi e i servizi Dell per semplificare l'intero ciclo di vita dei dispositivi per l'IT:
- Unified Workspace supporta ora i nuovi dispositivi Dell Latitude Chromebook Enterprise, consentendo agli amministratori di sfruttare Workspace ONE UEM per distribuire applicazioni e policy su Dell Chromebook insieme a tutti gli altri endpoint;
- Workspace ONE si integra ora con Dell SafeBIOS per garantire una verifica continua dello stato del BIOS rispetto alle linee di base desiderate e può automatizzare il ripristino;
- I deployment Unified Workspace possono sfruttare la persistenza dell'agente Workspace ONE per fungere da "LoJack" e recuperare la gestione di un endpoint anche se l'agente è disinstallato (ad esempio in uno scenario di dispositivi persi o rubati).

VMware ha inoltre annunciato le seguenti nuove funzionalità per iOS, iPadOS and macOS Catalina:
- Il supporto per iOS 13 e iPadOS è previsto per l’autunno 2019, incluso il supporto iniziale per la registrazione di nuovi utenti, pensato per consentire all'IT di supportare i dispositivi personali (BYOD) con applicazioni e servizi aziendali senza dover gestire completamente il dispositivo;
- Workspace ONE consente ora aggiornamenti della gestione del software per i dispositivi Apple, fornendo controlli specifici su tutti i principali aggiornamenti iOS e macOS con flussi di lavoro di approvazione personalizzati per il roll-out, la pausa o il differimento automatico degli aggiornamenti in base al profilo di rischio dell'azienda verso il roll-out degli aggiornamenti del sistema operativo;
- Un nuovo motore di scripting e sequenziamento di MacOS che fornisce ai team IT una potente soluzione per personalizzare il sistema operativo, installare applicazioni, implementare correzioni di sistema e rendere questi script disponibili agli utenti in modo self-service;
- Nuova gestione del ciclo di vita della crittografia di macOS FileVault per semplificare l'archiviazione, l'aggiornamento e il recupero delle chiavi;
- Nuovo supporto SIP (System Integrity Protection) per macOS, che fornisce l'attestazione di salute e lo stato di conformità

VMware è stato il primo UEM a fornire una gestione moderna dei dispositivi Chrome OS e oggi annuncia una estensione di Workspace ONE UEM per Chrome. Disponibile nel terzo trimestre, gli amministratori potranno utilizzare questa estensione per revocare o rinnovare certificati di autenticazione user e device-based, garantendo una maggiore sicurezza e un accesso facilitato alle applicazioni e ai servizi.

VMware ha presentato i nuovi servizi VMware Horizon Services for Multi-Cloud che consentiranno agli amministratori IT di automatizzare il brokeraggio e la gestione in ambienti multi-site. Consentendo ai dipendenti di accedere allo spazio di lavoro virtuale ottimale - sia on premise che nel cloud - i servizi Horizon Services for Multi-Cloud di VMware sono progettati per migliorare le prestazioni degli utenti, ridurre i costi e supportare una serie di casi d'uso, tra cui disaster recovery, espansione dei data center e cloud bursting.

Come parte di Horizon Services for Multi-Cloud, i nuovi servizi di gestione semplificheranno l'amministrazione di desktop e app, e l'IT sarà ora in grado di gestire asset chiave come un'applicazione o un'immagine su più siti per consentire una vera ibridazione. Inoltre, un nuovo servizio di monitoraggio cloud farà emergere i dati sulle prestazioni Horizon in modo che gli amministratori possano monitorare proattivamente, risolvere i problemi e gestire il proprio ambiente da un'unica console basata sul cloud.

Microsoft e VMware stanno fornendo integrazioni, incluso il supporto per l'accesso condizionato per Microsoft Office 365 utilizzando Microsoft Intune e Azure Active Directory, il supporto Horizon Cloud per Windows Virtual Desktop virtuale su Microsoft Azure e il supporto per i team Microsoft per favorire la collaborazione avanzata in tutto lo spazio di lavoro. Anche per facilitare la collaborazione senza soluzione di continuità con i colleghi, i clienti possono ora sfruttare il pacchetto di ottimizzazione dello zoom con Horizon.

Inoltre, Horizon sarà integrato con NSX Advanced Load Balancer, consentendo ai clienti di abbandonare application delivery controllers (ADCs.) legacy e basati su hardware e consentendo un accesso ad app e desktop veloce, scalabile e sicuro da qualunque posto.
Infine, i clienti Horizon potranno ora sfruttare i vantaggi del cloud ibrido in modo più economico che mai, grazie alle licenze in abbonamento. Con il programma VMware Subscription Upgrade for Horizon, i clienti Horizon 7 possono aggiornare licenze illimitate a Horizon Universal License a un costo che rispecchierà il valore aggiunto, permettendo loro il deployment ovunque - on premise o nel cloud.

VMware sta introducendo diverse nuove funzionalità volte ad aiutare i clienti ad adottare un'architettura di sicurezza zero trust. Workspace ONE Intelligence offrirà un punteggio di rischio per utente e dispositivo - un unico punteggio quantificabile basato su molteplici attributi di rischio, che può essere utilizzato per attivare policy di accesso condizionato e remediation automatizzate. Sfruttando il machine learning, Workspace ONE Intelligence può identificare anomalie del comportamento dell'utente in base alla variazione del comportamento atteso e automatizzare le azioni correttive (ad esempio, forzare l'autenticazione multi-fattore, mettere i dispositivi in quarantena) quando si osserva un comportamento sospettoso dell'utente.

Inoltre, Workspace ONE Trust Network supporta ora pienamente Carbon Black, Lookout e Netskope, consentendo ai clienti di integrare i dati delle migliori soluzioni di sicurezza in Workspace ONE e di sfruttare le dashboard di Workspace ONE Intelligence per offrire piena visibilità della sicurezza.

Darrel Ward, senior vice president of Client Solutions di Dell Technologies
Gli amministratori IT vogliono dare agli utenti la possibilità di scelta quando si tratta di sistemi operativi, dispositivi, e quando e dove il lavoro viene svolto, ma hanno difficoltà a fornire un'esperienza coerente e fluida. Aggiungendo nuove funzionalità di sicurezza con VMware Workspace ONE e il sistema operativo Chrome OS a Dell Technologies Unified Workspace, stiamo dando all'IT il potere di offrire un'esperienza coerente e più sicura per tutti, indipendentemente dal sistema operativo scelto. E soprattutto, gli utenti hanno la flessibilità di scegliere i dispositivi e i casi d'uso che si adattano alle loro esigenze.