Prevenzione frodi, per Experian serve investire in innovazione

Prevenzione frodi, per Experian serve investire in innovazione

Secondo Experian, il divario crescente di fiducia rende più difficile l’identificazione e la difesa dalle frodi, serve investire in innovazione e nuove tecnologie.
Quando si parla di efficacia nella prevenzione delle frodi, esiste un divario crescente di fiducia tra la percezione delle aziende e la realtà, secondo una nuova ricerca condotta da Forrester Consulting per conto di Experian, e relativa all’area EMEA.

Nonostante due intervistati su cinque (40%) affermino che la frode viene valutata e compresa correttamente all'interno della loro azienda, solo il 32% dichiara che essa è chiaramente definita, misurata o sostenuta dall'automazione - e solo uno su sette (14%) crede che la propria capacità di prevenzione sia veramente efficace.

E mentre i risultati mostrano come la prevenzione delle frodi sia una priorità assoluta per la grande maggioranza (85%) dei 913 decisori intervistati, si riscontrano livelli più elevati di fiducia in particolare in Italia, Polonia, Austria e Germania, che non sempre corrispondono con gli investimenti effettuati per gestirla efficacemente.

Lo studio ha inoltre rivelato che furto di dati (58%), furto d'identità (47%) e frode basata su account takeover (45%) sono attualmente i tipi di attacco più diffusi nell’area EMEA.
A differenza del passato, in cui si calcolava l'effetto finanziario diretto della frode sull’azienda, gli intervistati considerano oggi la perdita di clienti come l’aspetto dall’impatto più significativo sulle loro aziende (34%). Questo spiega ulteriormente il motivo per cui molti leader aziendali riconoscono quanto la prevenzione delle frodi debba essere considerata una priorità e come la gestione del rischio debba essere ottimizzata al meglio.

Date la scala e l'impatto delle frodi nei vari paesi, molte aziende riconoscono ora la necessità impellente di investire in innovazione e tecnologia per una gestione più efficace. Più della metà (51%) degli intervistati prevede di investire in soluzioni di intelligenza artificiale e machine learning entro i prossimi tre anni, insieme a singole piattaforme modulari di accesso (55%) - come la nota soluzione Experian CrossCore - e a funzionalità di prevenzione delle attività fraudolenti.

L’EMEA Fraud Report 2019 si basa sul quarto studio annuale condotto da Forrester Consulting per conto di Experian. Analizza l'approccio delle imprese alla gestione delle frodi, delineando le tendenze emergenti, l'impatto, gli investimenti chiave, le competenze necessarie e il livello di fiducia che hanno le aziende rispetto al loro contrasto. Il report analizza in dettaglio i fattori chiave, i punti critici e le innovazioni che si ritrovano nell’area.

Tagged under: Sicurezza protezione frode