Maxell reinventa i proiettori laser e svela MA-XL1

Maxell reinventa i proiettori laser e svela MA-XL1

Maxell porta sul mercato prodotti competitivi, con una ridotta manutenzione e allineati alle esigenze dei clienti che perseguono le sfide del business moderno.
Con la fine del processo di acquisizione di tutte le strutture di design, sviluppo e fabbricazione dei proiettori di Hitachi Consumer Electronics, Maxell ha assunto le responsabilità di tutte le operazioni relative alla diffusione sul mercato europeo di proiettori e di tutti gli accessori correlati.

Maxell presenta dunque sul mercato diversi proiettori in grado di agevolare il passaggio dalla tecnologia a lampada a quella laser e LED.

Maxell reinventa i proiettori laser e svela MA-XL1

I proiettori Laser 3 LCD MP-WU5503 e MP-WU5603 sono modelli portatili adatti sia al settore educational sia per sale conferenze di medie dimensioni; possono generare una luminosità massima sino a 5.000/6.000 ANSI lumen e uno spettro colori esteso. Grazie alla tecnologia laser assistiamo a un miglioramento dell’efficienza luminosa, con una riduzione dei consumi energetici. I nuovi dispositivi risultano inoltre molto silenziosi, proprio in virtù del minore consumo e calore prodotti durante l’uso.
La garanzia offerta è di 5 anni o 20.000 ore di utilizzo (impostando la modalità ‘long life’ il dispositivo lavora per 50.000 ore senza richiedere alcun tipo di manutenzione).

I nuovi proiettori sono dotati di modalità ‘Perfect fit’, per modulare al meglio la proiezione su schermi curvi. È inoltre possibile sfruttare la funzione di ‘Quick start’ per accendere il dispositivo in 1 secondo. Con la funzione ‘Auto power’, invece, è consentita l’attivazione dei device a orari prestabiliti, un aspetto interessante nel caso di installazioni pubbliche o in strutture estese con numerosi dispositivi connessi.
Per facilitare l’installazione, è possibile clonare il setup di un apparecchio per riportarla sui successivi. In questo modo è possibile accelerare le attività di installazione, ma anche la manutenzione remota via web.

Maxell reinventa i proiettori laser e svela MA-XL1

La nuova serie D3 comprende l’introduzione sul mercato di altri due proiettori: MP-WU8801WG e MP-WU8701WG, che vantano un rapporto di contrasto pari a 2.500.000:1 e raggiungono gli 8.000 ANSI lm. Si tratta di unità indicate per l’impiego nei musei, nella vendita al dettaglio e nelle sale conferenze di grandi dimensioni.
Sono dotati di 7 lenti opzionali interscambiabili per rendere al meglio in ogni situazione (sono disponibili sia focali ultra-lunghe sia focali ultracorte).
La facilità di controllo e installazione è assicurata da una serie di feature innovative. La funzione “stocking automatico” permette di orientare al meglio due macchine che proiettano sullo stesso schermo aumentando la luminosità dell’immagine che viene restituita. La funzionalità “blending” permette di gestire un massimo di 12 proiettori affiancati che proiettano contemporaneamente, anche su schermi tondi. È possibile trasmettere lo stesso segnale tra più proiettori collegando una macchina alla sorgente e collegando con dei cavi ponte tutti i gli altri proiettori, per un massimo di 8 dispositivi.

Infine, l’azienda presenta anche la nuova Lecture Capture Station chiamata MA-XL1.

La sorgente può essere connessa mediante i diversi ingressi multimediali, per interagire con lo schermo touch screen. Disegni a mano libera, note e appunti presi sul contenuto multimediale riproposto sullo schermo della MA-XL1 possono essere registrati e salvati nel drive interno da 1 TByte. Così facendo è possibile avviare lo stream di una lezione, per poi renderla disponibile per successive consultazioni online.

Maxell reinventa i proiettori laser e svela MA-XL1


Con ‘Remote classroom’ è consentito il lavoro simultaneo sullo stesso file, interagendo attraverso due schermi posti a distanza tra loro.
La Lecture Capture Station trova ideale impiego nel settore scolastico, universitario e nei laboratori di progettazione.