Collaboration, intervista a Davide Balladore di Canon Italia

Collaboration, intervista a Davide Balladore di Canon Italia

Davide Balladore, Product Business Developer Manager nel Marketing & Sales team di Canon Italia, ci racconta novità e tecnologie per uno smart working efficiente.

- Modalità di lavoro fluide, smart working e condivisione degli spazi stanno rivoluzionando l’approccio stesso al mondo del lavoro. Quale osservatore privilegiato, quali considerazioni potete fare in merito? Quali sono le richieste tipiche delle imprese?
Non ‘è dubbio, oggi più che mai, visto la pandemia del coronavirus, scopriamo cosa significa veramente smart working! Si perché rispetto allo standard, qui parliamo di smart working di massa e continuativo… visto che la maggior parte delle aziende ha la forza lavoro a casa.
In questo scenario il modo di lavorare cambia, si fa tutto dal PC e soprattutto cambia la velocità, perché non ci sono distrazioni, dunque se si cerca un documento come si faceva al lavoro, quei 5 minuti impiegati sembrano un’eternità! Le informazioni e i documenti devono essere sempre disponibili ed i processi ad essi collegati devono essere sicuri e veloci.

- Gli spazi di lavoro comuni dovrebbero favorire la collaboration e la condivisione, ma non è sempre così. Come può la tecnologia aiutare imprese e dipendenti a lavorare meglio e in modo più efficiente?
Questi giorni hanno visto i collaboratori delle aziende obbligati a lavorare costantemente in spazi di lavoro comuni virtuali, la tecnologia permette di avere una esperienza dei dipendenti che simula quella dell’ufficio fisico (pur ovviamente non sostituendola), gli strumenti di collaborazione integrati con processi di gestione documentale automatizzati rendono tutto ciò una realtà.
I dispositivi multifunzione da scrivania permettono di avere anche a casa una integrazione con i flussi documentali aziendali, ricreando un workspace domestico. La tecnologia ci offre piattaforme sempre più semplici e sicure grazie a fenomeni con l’IoT che si appoggiano su infrastrutture cloud in grado di garantire affidabilità, sicurezza, un livello di resilienza altissimo oltre ad un’accessibilità su misura per qualsiasi tipologia di azienda.
Anche le più piccole PMI, attraverso investimenti moderati e modulari, possono risparmiare, innovando. 

- Quali saranno le strategie Canon per la crescita nel 2020?
Canon sta portando avanti una strategia basata esattamente sulla tecnologia di cui accennavo prima, volta a fornire una esperienza dei collaboratori aziendali superiore. L’approccio al mercato B2B avviene attraverso 3 canali principali, il canale Corporate & International, che si rivolge alle grandi aziende strutturate di qualsiasi settore, Canon Solution Italia, azienda Canon al 100%, che copre l’offerta per il medium market ed infine la rete dei nostri partner certificati monobrand e multibrand che si rivolge per lo più alle PMI. Quindi strategia modulare in funzione delle esigenze dei clienti.

- Soluzioni efficienti e al passo con il business moderno al tempo delle start up e della “Generazione Z”. Cosa offre Canon agli ambienti più dinamici? Quali sono le peculiarità dei prodotti introdotti più di recente?
Oggi siamo in grado di offrire nuove esperienze di stampa e scansione attraverso servizi di cloud printing & smart scanning per qualsiasi tipo di azienda.
L’offerta Canon parte dalla tecnologia innovativa che troviamo a bordo delle nostre stampanti e multifunzioni che attraverso semplici App sono in grado di gestire in maniera autonoma stampe da qualsiasi dispositivo, ovviamente anche mobile, e processi di digitalizzazione dei documenti in cloud. Il messaggio che passa è che puoi lavorare dove vuoi e con qualsiasi tipologia di device ma Canon sarà sempre in grado di darti un supporto concreto ai tuoi processi documentali portando ottimizzazione continua, velocità e sicurezza.

- La tecnologia è certamente di aiuto e consente di incrementare produttività e risolvere problemi di convivenza e comunicazione. Provocazione: Esiste un limite alla tecnologia utile?
I limiti esistono, ma di volta in volta vengono superati grazie anche all’evoluzione della tecnologia stessa. Vediamo ancora ampi margini di sviluppo soprattutto sul tema processi sia lato stampa che digitali. Il mercato italiano ci dice che i volumi di stampa sono in diminuzione contenuta, dunque si stampa ancora ma sono cambiate le abitudini e le esigenze degli utenti.
Mentre dal punto di vista di processi digitali, come accennavo nella prima risposta, serve velocità e automazione dei processi e per questo abbiamo soluzioni pronte per l’ufficio risorse umane, per i contratti, per la nota spese sino ad arrivare a piattaforme dedicate per le PMI, su questo abbiamo lanciato da poco Condominio Smart, una piccola soluzione per gli amministratori di condominio.

- Non esiste produttività senza sicurezza. Cosa fa Canon per migliorare la security degli ambienti di lavoro a tutela dei dipendenti, degli asset e dei dati?
È in prima linea. L’offerta dei servizi cloud per la stampa e per la gestione dei documenti digitali di Canon prevede una serie di funzionalità dedicate alla protezione dei documenti che rendono i clienti più sicuri anche e soprattutto nella gestione delle informazioni in cloud.
Siamo stati tra i primi vendor a lanciare sul mercato un antivirus nelle nostre multifunzioni. Le nostre piattaforme in cloud uniFLOW e Therefore, la prima per la gestione delle stampe e scansioni, la seconda dedicata ai processi digitali, sono in grado di rispondere a qualsiasi esigenza relativa al tema della sicurezza delle informazioni. L’offerta di Canon per il mondo B2B non è mai stata così completa e “sicura”.